Le invenzioni “spaziali” che hanno cambiato la vita dell’uomo

MeteoWeb

Ecco sette invenzioni che hanno reso migliore la vita dell’umanità grazie agli studi ed alle sperimentazioni effettuate nello spazio

Raramente, ci soffermiamo a pensare alla provenienza degli oggetti che quotidianamente usiamo, a chi li ha creati e per quale motivo è stato spinto a farlo. Ancor più raro è associare le ricerche spaziali alla nostra vita. Eppure, soprattutto dopo il lavoro svolto dalla nostra connazionale Samantha Cristoforetti, sarebbe utile e interessante scoprire come e grazie a chi gli oggetti di uso comune facciano parte dell’arredo di casa.

12000022_10206652512305823_199353983_n-Termometro digitale ad infrarossi 

Con la tecnologia infrarossi la NASA è in grado di misurare la temperatura delle stelle, a noi, invece, tocca solo misurare la temperatura corporea del nostro bambino, quando presenta sintomi influenzali. Ebbene si, il termometro digitale, che comunemente utilizziamo per noi o i nostri bambini, è direttamente “made in NASA”. La tempestività di questo strumento permette di non stare a contatto con mucosa e simili, in modo da evitare qualsiasi tipo di infezione.

-Oggetti senza fili 

Dal trapano elettrico all’aspirapolvere, per arrivare al telefono. Ogni donna casalinga e non apprezzerà di certo il lavoro svolto dalla NASA e alcuni tecnici della Black&Decker, che hanno inventato questi strumenti in grado di velocizzare il lavoro e ridurre lo sforzo. In realtà, gli ingegneri necessitavano di una invenzione del genere per potere ottimizzare il lavoro nelle missioni Apollo, in modo da renderlo più veloce e sicuro.

-Tute protettive

Sono le normali tute che i vigili del fuoco indossano durante gli incendi. Il materiale che le compone è un’invenzione degli ingegneri NASA, che per proteggere i propri astronauti decise di mettere appunto delle tute capaci di proteggerli da qualsiasi temperatura e qualsiasi tipo di lacerazione. Accanto a questa invenzione anche i rilevatori di fumo, utili  per rilevare, non solo piccoli incendi, ma anche fuga di gas tossici.

-Tv satellitare e cellulare

Televisione e telefono cellulare sono due costanti nella vita di ogni uomo e donna. Fu proprio la NASA a dare l’idea che, da lì in poi, ha fatto si che la maggior parte delle persone presenti sul Pianeta fossero provvisti di cellulare o televisioni per essere sempre connessi con il mondo. Il primo strumento a viaggiare nello spazio e rimanere in orbita fu lo Sputnik, creato dall’allora Unione Sovietica. Di lì a breve, centiniaia di satelliti sono stati inviati nello spazio e ci permettono di vedere i programmi televisivi di tutto il mondo o connetterci con persone proveniente da ogni dove. Grazie a questi strumenti, ogni barriera fisica e territoriale è stata quasi completamente eliminata.

11998607_10206652528266222_1437495728_n-Risonanza magnetica

A metà degli anni 60, la NASA ha creato un macchinario capace di elaborare immagini digitali per poter analizzare le immagini della luna. Questi strumenti divennero essenziali per le ricerca, in quanto permettevano di poter analizzare l’azione delle radiazioni sulla Terra. In campo medico, hanno permesso di creare immagini digitali degli organi, quindi diagnosticare cancri e malformazioni. Inoltre permettono di studiare gli organi del corpo umano, senza doverli sezionare.

-Occhiali da sole

I potentissimi raggi ultravioletti dello spazio possono essere molto pericolosi per la vista. Ecco, che la NASA ha progettato delle lenti foto-cromatiche in grado di proteggere l’occhio da qualsiasi raggio. Queste lenti sono completamente trasparenti all’oscuro, si colorano di nero quando entrano in contatto con dei raggi. L’invenzione che è stata messa a disposizione a tutti i comuni mortali, modificata nei comuni occhiali da sole, sembra essere ad oggi uno strumento fondamentale per la vita. Anche se, a differenza degli astronauti, noi siamo protetti dall’atmosfera che impedisce ai raggi di poter accecarci con la loro energia.


11995691_10206652534586380_283638462_n-Filtri per purificare l’acqua

Ray Ward, Presidente del consiglio di Bon Del Manufactoring Company, in Arizona fu l’inventore dei filtri d’acqua che la sua azienda vende in tutto il mondo. Ward imparò a progettare questi filtri, osservando e imitando la NASA, che progettò dei dispositivi in grado di purificare l’acqua. Tali dispositivi furono utili nella missione Apollo 11, che portò Aldrin, Armostrong e Collins sulla luna, aiutandoli a mantenere il proprio fabbisogno alimentare. Ecco, quindi la necessità di poter purificare l’acqua, creata da delle celle a combustibile.