L’erosione del fiume Tanaro ha fatto emergere fossili di rilievo mondiale

MeteoWeb

Nel 2015 dal 18 al 25 di Ottobre, ben 237 eventi in tutta Italia, 180 località protagoniste, 150 geo–escursioni, più di 600 ricercatori, 320 partner. In campo Università, Enti di Ricerca e non solo. Anche il Piemonte sarà protagonista de La Settimana del Pianeta Terra

“Il Piemonte sud-occidentale ospitò vertebrati di grandi dimensioni e non solo. L’erosione del Fiume Tanaro  ha fatto emergere fossili di grande importanza, di rilievo mondiale, come resti ossei di mammiferi. Li vedremo con la Settimana del Pianeta Terra in Piemonte presso il Museo Craveri di Bra”. Lo ha affermato  Giovanni Repetto, conservatore del Museo civico “ Federico Eusebio” di Alba (CN).

“In un tratto di 6,3 Km, tra Alba e Pollenzo, il fiume Tanaro ha eroso i sedimenti del suo letto, portando alla luce gli strati geologici sottostanti.

Questi strati geologici, – ha proseguito Repetto – hanno restituito fossili di grande importanza: un cetoteride riferibile ad una nuova specie, ma anche ad un nuovo genere, molte ittioliti ed un mastodonte della famiglia Gomphotheriidae probabilmente del genere Platybelodon, oltre a numerosissimi altri resti ossei di una grande quantità di altre specie di mammiferi di taglia più piccola. Risalendo il corso del fiume da Alba a Pollenzo si passa dalle marne del Tortoniano di 8,5 milioni di anni fa, ai conglomerati ghiaiosi del Messiniano terminale di 5,4 milioni di anni fa.

Si tratta di reperti di grande importanza, che hanno portato all’attenzione internazionale questa zona del Piemonte che ospitò mammiferi di varie dimensioni ma anche pesci, uccelli, anfibi, rettili, molluschi e insetti”.

La Settimana del Pianeta Terra è un modello di promozione delle geo-scienze unico in Europa con 237 eventi in contemporanea, 180 località diverse, più di 600 ricercatori in campo e soprattutto l’intero mondo delle Geo-scienze dalle Università ai Centri di Ricerca ai Siti archeologici mai visti. Un grande progetto , riconosciuto ufficialmente dal MIUR e costruito dai geologi Rodolfo Coccioni dell’Università di Urbino e Silvio Seno dell’Università di Pavia .

Il 23 Settembre i geologi illustreranno l’intera Settimana del Pianeta Terra, in conferenza stampa a Roma, alle ore 11, presso la sede della Stampa Estera in via dell’Umiltà 83/c alla quale sono state invitate numerose personalità di grande rilievo dal Premier, Matteo Renzi, al Ministro della Ricerca, Stefania Giannini, i ministri dell’Ambiente Gianluca Galletti, delle Politiche Agricole e Comunitarie, Maurizio Martina, al Vice Presidente della Camera dei Deputati, Luigi Di Maio. Invitati anche gli operatori nel settore del geo-turismo .

Tutti i 237 eventi sono aperti alla stampa ed in più si terranno ben 3 Press Tour di cui uno al Nord, il 23 Settembre sui ghiacciai del Monte Rosa, uno al Centro per vedere le ultime scoperte  sulla storia di Roma, un altro al Sud per scendere il 24 di Ottobre nella Villa dove è morto l’Imperatore Augusto a Somma Vesuviana ( Napoli) .