Lotta al randagismo: in Calabria parte il progetto di “mutua per gli animali”

MeteoWeb

L’AIDAA pronta ad aiutare i volontari calabresi alla lotta la randagismo con un piano di “mutua per gli animali”, che prevederà uno sgravio di costi per le famiglie che ospitano animali

Le volontarie ed i volontari calabresi che si occupano di salvare e trovare casa ai cani randagi sono delle eroine e degli eroi- ci dice Lorenzo Croce presidente nazionale di AIDAA – ma pur avendo da sole e da soli ottenuti risultati stupefacenti non possono farcela senza l’ausilio di un piano regionale contro il randagismo e senza un adeguato progetto di mutua regionale per gli animali che presenteremo tra qualche giorno alla giunta regionale calabrese, piano che a costo zero per l’ente pubblico potrà ridurre in pochi mesi il randagismo e allo stesso tempo sgravare i costi delle famiglie che ospitano animali con una riduzione delle spese fino al 60% sul costo annuo per ogni singolo animale domestico posseduto”. Cosi Lorenzo Croce presidente nazionale di AIDAA in visita in questi giorni in Calabria dove sta incontrando volontari e visitando rifugi in provincia di Cosenza proprio per mettere a punto il progetto da sottoporre alla giunta regionale calabrese. “Ci sono molte persone che meritano il nostro appoggio come la nostra amica Irene Cataldi e Carlo Buccino che nei loro rifugi salvano centinaia di cani ogni anno- conclude Croce-  e vano combattuti invece personaggi che sui cani fanno lucro di cui in questi giorni stiamo prendendo conoscenza diretta. Ora vogliamo concentrarci sul piano di mutua per gli animali che nel giro di un paio di settimane presenteremo ricordando che la Calabria dopo la Puglia e la Sicilia è la regione con il maggior numero di randagi presenti sul territorio”.