Maltempo, ANCI: urge un confronto sulle procedure d’allerta

MeteoWeb

Il presidente dell’Anci Sardegna, Pier Sandro Scano, riassume la posizione dei circa 200 sindaci riuniti a Ghilarza

“Lungi da noi polemizzare con la Protezione civile, ma abbiamo l’esigenza di capire esattamente quale era il quadro informativo che ha fatto diramare l’allerta meteo elevata e verificare le procedure che hanno portato alla dichiarazione di un codice rosso”. Cosi’ il presidente dell’Anci Sardegna, Pier Sandro Scano, riassume la posizione dei circa 200 sindaci riuniti a Ghilarza per l’assemblea convocata dal coordinamento regionale degli enti locali di cui fa parte anche il Consiglio delle autonomie locali. Dal centro dell’oristanese e’ cosi’ partita la richiesta perche’ venga istituito al piu’ presto un tavolo tecnico con la Regione per un confronto sulla gestione delle emergenze nell’Isola. “Ieri – sottolinea Scano – sulla base di questa allerta meta’ Sardegna ha avviato le procedure per contenere il rischio idrogeologico, insediato i centri operativi comunali e allertato funzionari e operai. Alcuni sindaci, come a Cagliari, hanno anche chiuso le scuole. Oggi, pero’, c’e’ stata la revoca dell’allerta. Ecco – suggerisce il presidente dell’Anci – come si manda rapidamente l’avviso di allerta, anche il declassamento dovrebbe essere fatto in tempi brevissimi”.