Maltempo Roma: 500 unità in campo, smottamento a Monte Ciocci

MeteoWeb

A Roma sono state impegnate 30 squadre di volontari di Protezione Civile, intervenute dalle ore 22 del 4 settembre alle ore 8.00 del 5 settembre

Uno smottamento a Monte Ciocci, qualche cantina allagata, dei disagi per il traffico, ma quasi nessun allarme per l’ondata di maltempo che ha interessato la Capitale. A Roma sono state impegnate 30 squadre di volontari di Protezione Civile, intervenute dalle ore 22 del 4 settembre alle ore 8.00 del 5 settembre, mentre oggi ve ne sono in campo 40, per un totale di 70 associazioni e quasi 210 volontari dotati di idrovore e mezzi funzionali ad allagamenti. Sono stati inoltre svolti: 90 Interventi per allagamenti, 50 per caduta rami/alberi, 10 di altro tipo, tra cui il più rilevante è stato quello per lo sversamento di carburante per circa un km sul fiume Tevere. L`assessore ai lavori pubblici e alla Protezione civile di Roma Capitale, Maurizio Pucci, ha spiegato: “Questa mattina, insieme al Sindaco, abbiamo visitato la Sala operativa della Protezione civile di Roma Capitale dove il direttore Cristina D`Angelo, ci ha ragguagliati sulla situazione del maltempo, che non presenta criticità, salvo in via Simoni, nel I Municipio, dove si è svolto un intervento congiunto per rimuovere i detriti di una frana di fango. Il dispiegamento voluto dal sindaco di una massiccia forza di intervento ha coinvolto circa 500 unità. Nell`operazione sono stati coinvolti Protezione civile, polizia municipale, Ama, servizio giardini, Dipartimento sviluppo infrastrutture manutenzione urbana”. I volontari sono stati coordinati da 40 unità del personale di Protezione Civile. Il servizio giardini è intervenuto con 8 squadre per un totale di circa 20 unità. Istituite inoltre quindici unità di crisi locale in tutti i Municipi. L`intervento più rilevante è avvenuto su richiesta della polizia locale e riguarda una porzione di Monte Ciocci nel versante rivolto verso via Simone Simoni, dove si è verificato uno smottamento di materiale fangoso. I rilievi dei geologi hanno constatato lo scivolamento di circa 5/6 metri cubi di materiale che aveva invaso il marciapiede e parte della Carreggiata. Sono quindi immediatamente intervenute le ruspe che hanno sgomberato la strada dai detriti e riportato l`area in condizioni di sicurezza. Trattandosi di un`area privata, nei prossimi giorni si riunirà un tavolo composta da Simu, Protezione Civile, I e XIV Municipio, per prendere i provvedimenti necessari ed evitare il ripetersi di eventi simili.