Medicina: l’aspirina aiuta a combattere il tumore del colon-retto

MeteoWeb

Per la prima volta il Servizio di Prevenzione degli Stati Uniti ha deciso di raccomandare l’utilizzo quotidiano dell’aspirina negli ultra 50enni

Anche l’aspirina aiuta a combattere il tumore: sui pazienti affetti da cancro del colon retto e sottoposti a radiochemioterapia preoperatoria, la risposta al trattamento e’ stata significativamente migliore in coloro che assumevano il farmaco a dosi cardiologiche. E’ il contenuto di un lavoro scientifico del Centro studio della patologia colo-rettale dell’Universita’ di Cagliari, pubblicato sulla rivista “The British Journal of Cancer”. I risultati ottenuti saranno presentati al Congresso Annuale delle Societa’ Europea di Oncologia, nei prossimi giorni a Vienna. Lo studio conferma cosi’ quanto consigliato, nei giorni scorsi, per i pazienti negli Usa. “Quando abbiamo deciso di iniziare questo studio erano gia’ stati pubblicati alcuni lavori che proponevano un possibile rapporto tra aspirina e prevenzione del cancro del colon-retto – spiega Angelo Restivo, ricercatore del Dipartimento di Scienze Chirurgiche dell’Universita’ di Cagliari e primo autore dell’articolo -. Proprio a seguito delle crescenti evidenze, per la prima volta il Servizio di Prevenzione degli Stati Uniti ha deciso di raccomandare l’utilizzo quotidiano dell’aspirina negli ultra 50enni per prevenire le patologie cardio-vascolari e il cancro colo-rettale, cosi’ come riportato qualche giorno fa dal New York Times”. Un lavoro curato nei dettagli. “Il nostro studio si e’ rivolto, invece, al possibile utilizzo dell’aspirina per aumentare le possibilita’ di cura nei pazienti che il cancro del retto lo hanno gia’ – prosegue Restivo -. Quando ho analizzato i nostri dati e notato che i pazienti che assumevano ‘l’aspirinetta’ rispondevano meglio degli altri alla radioterapia ho capito che eravamo davanti ad una scoperta importante, ma sinceramente non pensavo che avrebbe suscitato cosi’ tanto interesse. Sto ricevendo mail da altri ricercatori e fondazioni di ricerca contro il cancro interessate all’argomento. Grazie ad eventuali fondi di ricerca vorrei intraprendere uno studio su larga scala e dare la possibilita’ a tutti i nostri pazienti di giovarsi dei probabili effetti benefici del farmaco”.