Notte Europea dei Ricercatori: decine di eventi nelle città italiane

MeteoWeb

La Notte Europea dei Ricercatori si svolgerà domani 24 settembre in tutta Europa è giunto alla sua decima edizione

Tutto pronto per la Notte Europea dei Ricercatori, l’ormai immancabile appuntamento che permette a adulti e bambini di entrare nei laboratori di ricerca: l’evento che si svolgera’ domani 24 settembre in tutta Europa e’ giunto alla sua decima edizione. In Italia moltissimi eventi, da Bari a Trento, fino a Biella e Catania, con show interattivi, mostre, conferenze e laboratori didattici per i piu’ piccoli. Buona parte delle iniziative sono raggruppate all’interno di 4 grandi progetti che coinvolgono i principali centri di ricerca e universita’. Il primo e’ Dreams, il migliore classificato a livello europeo, che raccoglie le attivita’ organizzate da Frascati scienza a Frascati e Roma, e quelle di altre 9 citta’ coinvolte attraverso le sedi locali dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn). In programma ci saranno aperitivi scientifici per dialogare con ricercatori, attivita’ per i piu’ piccoli del Science Space for Kids e molte altre divertenti attivita’. Sharper coinvolgera’ invece le citta’ di Perugia, Ancona e L’Aquila con un programma di 60 appuntamenti come la gara podistica in notturna di 3 chilometri European Run Night e il collegamento con l’astronauta europeo Paolo Nespoli con la piazza di L’Aquila a cui raccontera’ le tappe di preparazione per la sua prossima missione spaziale. Genova partecipa con l’obiettivo di mostrare al pubblico che “i ricercatori cambiano il mondo”, mentre a Torino, protagonista con altre 6 citta’ di Tracks, si tentera’ di battere il record della piu’ lunga corsa sull’acqua in una vasca riempita con acqua e amido di mais, un mix che la rende un ‘fluido non newtoniano’ e quindi possibile correrci sopra (almeno per qualche metro). Eventi sono in programma anche in molte altre citta’, come a Cosenza dove ci sara’ ospite in concerto anche Cristiano De Andre’, Trento dove si si potra’ essere coinvolti in ‘incontri al buio’ con scienziati, o nella Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa dove si potranno conoscere le piante del futuro.