Previsioni Meteo: rischio nubifragi al Nord e in Toscana

MeteoWeb

La situazione più critica riguarderà Liguria e alta Toscana: qui i rovesci e i temporali saranno particolarmente forti e insistenti, con rischio di locali nubifragi

Due perturbazioni ravvicinate determineranno tra domenica e lunedì una fase di maltempo dapprima solo al Nord e in Toscana, lunedì anche su Umbria e Lazio, mentre più a Sud resisterà il bel tempo. Le aree che potranno ricevere precipitazioni a tratti forti e abbondanti saranno quelle prealpine e pedemontane di alto Piemonte, Lombardia, Nordest e, soprattutto, Liguria e Toscana: in queste ultime zone sarà elevato il rischio di forti rovesci e temporali. Sono le previsioni del Centro Epson Meteo. Dalla sera di lunedì la perturbazione tenderà ad allontanarsi e in seguito prevarranno giornate di tempo stabile, soleggiate soprattutto al Centrosud e con temperature al di sopra della norma grazie al graduale ritorno dell’Anticiclone Nord Africano. Quest’area di alta pressione, a pochi giorni di distanza dall’Equinozio autunnale (mercoledì 23 settembre), determinerà un autentico colpo di coda dell’estate: raggiungeremo picchi di caldo decisamente intenso per la stagione, con temperature che potranno risultare dai 5 ai 10 gradi sopra le medie stagionali. Il Nord resterà maggiormente ai margini rispetto all’area anticiclonica, con temperature sopra la media ma più contenute e rischio di irregolari passaggi nuvolosi. In particolare, su Alpi e Nordovest non si esclude anche qualche breve fase instabile.

pioggia01Domenica al mattino sole al Sud e in Sicilia, residue schiarite sul medio Adriatico, nubi in aumento altrove, compatte al Nordovest con piogge anche forti e temporali in Liguria e primi rovesci su alta Toscana. Tra pomeriggio e sera i fenomeni si estenderanno anche al Nordest e al resto della Toscana, mentre tenderanno ad attenuarsi su Piemonte e Valle d’Aosta. La situazione più critica riguarderà Liguria e alta Toscana: qui i rovesci e i temporali saranno particolarmente forti e insistenti, con rischio di locali nubifragi. Massime in ulteriore rialzo su medio Adriatico, isole e al Sud, in diminuzione al Nordovest. Venti moderati di scirocco su Mar Ligure, Tirreno e canale di Sicilia. La perturbazione in arrivo sarà responsabile di forti piogge e rovesci al Nordovest e sull’alta Toscana. Le zone dove sono previsti i maggiori accumuli di precipitazione sono l’alto Piemonte e l’alta Lombardia: il rischio maggiore riguarderà però la Liguria con possibilità rovesci e temporali insistenti e, quindi, di locali nubifragi. Infatti, i forti venti di Scirocco previsti sul mar Ligure trasporteranno aria molto umida che, raggiunto l’entroterra della regione, potrebbe dare luogo a nubi a grande sviluppo verticale, e quindi a forti precipitazioni. Inoltre, le condizioni del mare determinate dal forte Scirocco potrebbero ostacolare il deflusso dei corsi d’acqua, aggravando così le conseguenze delle forti piogge.

Lunedì cielo da nuvoloso a molto nuvoloso al Centronord, più soleggiato al Sud e nelle Isole, soprattutto tra Calabria e Sicilia. Al Nord le piogge più insistenti e localmente abbondanti interesseranno Alpi centro-orientali, alta Lombardia, alto Veneto e Friuli Venezia Giulia, con rischio di locali rovesci o temporali intorno alla fascia prealpina e pedemontana e in Friuli Venezia Giulia; residui rovesci anche su Levante ligure, sostanzialmente asciutto altrove. Al Centro locali precipitazioni tra il versante tirrenico e le zone interne con il rischio di qualche temporale specie al mattino tra bassa Toscana e Lazio. Per quanto riguarda le temperature, prevarranno gli aumenti per effetto di intensi venti meridionali, che soffieranno moderati, fino a forti sul Tirreno e sull’alto Adriatico. Dalla sera la perturbazione tenderà ad allontanarsi e in seguito prevarranno giornate di tempo stabile, soleggiato soprattutto al Centrosud e con temperature al di sopra della norma grazie al graduale ritorno dell’Anticiclone Nord Africano che, a pochi giorni di distanza dall’Equinozio autunnale (mercoledì 23 settembre), determinerà un autentico colpo di coda dell’estate, specialmente al Centrosud: raggiungeremo picchi di caldo decisamente intenso per la stagione, con temperature che potranno risultare anche dai 5 ai 10 gradi sopra le medie stagionali. Il Nord resterà maggiormente ai margini rispetto all’area anticiclonica, con temperature più contenute e rischio di irregolari passaggi nuvolosi. In particolare, su Alpi e Nordovest non si esclude anche qualche breve fase instabile.