Scienza: a Firenze il festival di robot esperti in catastrofi naturali

MeteoWeb

Robot terrestri, sottomarini e aerei ispezioneranno l’area di quella che sembrerà una catastrofe appena avvenuta, sulla falsariga di Fukushima

Saranno oltre 40 i robot, 18 le squadre e 150 i partecipanti ad arrivare da tutto il mondo a Piombino (Firenze) dal 17 al 25 settembre per ‘euRathlon 2015 Grand Challenge’. 90 ore di competizione robotica aperte gratuitamente al pubblico nei pressi della Centrale Enel di Tor del Sale. “Robot terrestri, sottomarini e aerei ispezioneranno l’area di quella che sembrerà una catastrofe appena avvenuta, sulla falsariga di Fukushima; raccogliendo dati, identificando criticità e pericoli, cercando dispersi e perdite pericolose per l’ambiente, chiudendo anche valvole con bracci meccanizzati, il tutto in una gara contro il tempo”, spiegano gli organizzatori. L’evento è finanziato dalla Commissione Europea e organizzato dal Centro Nato per la Ricerca Marittima e la Sperimentazione (Cmre) di La Spezia su mandato del consorzio euRathlon. “EuRathlon è una sfida multidominio (terra, aria e acqua) del tutto inedita tra robot in grado di operare all’aperto e in sinergia entro situazioni di crisi”, illustrano gli organizzatori. In prima mondiale studenti ed esperti del settore provenienti da 21 Paesi testeranno in pubblico intelligenza e autonomia degli automi da loro creati, in scenari simulati ma realistici, dinnanzi a una giuria internazionale e anche di fronte a esperti giapponesi interessati a vedere da vicino come, oggi, potrebbero essere meglio affrontate certe catastrofi. “A Piombino tanti robot di concezione modernissima, utili per soccorso e per mille usi civili e di salvaguardia ambientale, certo; ma soprattutto tanti giovani ricercatori che si mettono letteralmente in gioco, sfidando anche nuovi modelli di imprenditorialità e creatività”. E’ il commento, in una nota, della vicepresidente e assessore all’università e alla ricerca Monica Barni, presentando stamani la manifestazione insieme al sindaco di Piombino Massimo Giuliani, al direttore tecnico di euRathlon Gabriele Ferri e al responsabile del progetto per Cmre Jean-Guy Fontaine. “L’evento è anche l’occasione per mostrare alcune eccellenze della Toscana, in cui si integrano ricerca e conoscenza per favorire lo sviluppo – continua Barni -. Ne sono esempio il progetto di robotica subqcquea Thesaurus dell’Università di Firenze, guidato dal professor Benedetto Allotta, e il polpo-robot PoseiDrone della Scuola Sant’Anna di Pisa, finanziato dalla Regione”. Il programma prevede diversi eventi collaterali a Torre del Sale e a Piombino. Tra questi anche conferenze e presentazioni di robotica come quella a cura della Scuola Sant’Anna di Pisa che mostrerá al pubblico gli automi del progetto Robot-Era di robotica di servizio, utili soprattutto per l’assistenza agli anziani. Il 23 settembre, a Tor del Sale, è in programma una dimostrazione di robot umanoidi per la ricerca e il salvataggio in situazioni di crisi a cura dell’Istituto Italiano di Tecnologia con Walk-Man, sviluppato nell’ambito di un Progetto Europeo del Settimo Programma Quadro, e del Korea Advanced Institute of Science and Technology (Kaist) con Drc-Hubo, robot sudcoreano vincitore dell’edizione 2015 del Darpa Robotics Challenge per la prima volta in Europa.