Settimana del Pianeta Terra: giornalisti in gita sui ghiacciai italiani con i “prof” geologi

MeteoWeb

Con circa 237 eventi in tutta Italia, la Settimana del Pianeta Terra” è attesissima fra i massimi esperti ed appassionati: durante la kermesse di geo-scienze, i geologi guideranno i giornalisti alla scoperta di ciò che rimane dei ghiacciai in Italia, per prendere atto del problema ambientale  e climatico

Domani 8 Settembre, sarà presentata alla stampa “La Settimana del Pianeta Terra”, kermesse ambientale unica al mondo, in programma solo in Italia con 237 eventi in tutta Italia, con grandi appuntamenti in tutte le importanti città della Lombardia. Ci saranno i fondatori della grande kermesse dedicata alle Geo – Scienze : Rodolfo Coccioni dell’Università di Urbino, Silvio Seno dell’Università di Pavia . Il prof. Coccioni ha scoperto le terre da pascolo di Michelangelo e le farà vedere. Olivia Nesci , docente dell’Università di Urbino, ha scoperto il paesaggio reale de La Gioconda di Leonardo e lo mostrerà con immagini ma anche la casa di Piero della Francesca.

ghiaccio3I ricercatori illustreranno anche i dettagli della “spedizione” con i giornalisti sui ghiacciai alpini . Un’occasione unica per filmare e vedere con i geologi , dal vivo , i crolli di seracchi di ghiaccio. Quindi in conferenza stampa anche un’analisi dettagliata della preoccupante situazione dei ghiacciai alpini.  I ghiacciai e il permafrost si stanno riducendo ad un ritmo che non ha precedenti negli ultimi secoli. Tutto questo ha importanti conseguenze sulla disponibilità di acqua dolce, sul ciclo idrologico e sulla stabilità dei versanti, originando spesso situazioni di rischio per la popolazione e le infrastrutture. La calda estate del 2015, con temperature senza precedenti nel mese di luglio da quando esistono rilevamenti di dati, è soltanto l’ultimo episodio di una serie di eventi climatici che stanno compromettendo la risorsa glaciale delle Alpi, modificando rapidamente gli ambienti alpini e noi saremo proprio in questi posti dove assisteremo in diretta al distacco dei ghiacci”. Lo ha affermato il professore Roberto Seppi del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Pavia .

ghiaccioIl Ghiacciaio del Belvedere, al cospetto della maestosa parete est del Monte Rosa, è un osservatorio privilegiato sulle trasformazioni in atto nel paesaggio glaciale delle Alpi. Si tratta di una delle aree più studiate e meglio documentate dell’intero arco alpino – ha continuato Seppi –  dove, negli ultimi decenni, più volte si sono verificate situazioni di rischio ambientale legate alla dinamica evoluzione degli ambienti glaciali. Da questo punto di vista, l’area del Ghiacciaio del Belvedere è unica nelle Alpi italiane. Ricordiamo soltanto i due episodi principali, la rotta glaciale del Lago delle Locce nel 1979, che ha alluvionato i tratti a valle danneggiando gli impianti di risalita, e la comparsa del lago epiglaciale denominato “Effimero”, che dal 2001 al 2003 ha rappresentato una seria minaccia di alluvione per tutta la Valle Anzasca”. Il 26 Settembre la stampa italiana e straniera avrà la grande opportunità di essere direttamente sui ghiacciai accompagnati dai massimi studiosi delle Alpi e del fenomeno di scioglimenti dei ghiacciai. Si potranno osservare e filmare crolli attivi di seracchi di ghiaccio.

monte rosa“Con il Press Tour  osserveremo La parete nord- orientale del Monte Rosa, che si innalza fino agli oltre 4500 m di quota delle vette più elevate. Si tratta  – ha proseguito Seppi – di una delle più imponenti pareti rocciose delle Alpi che, per le sue caratteristiche, è stata spesso paragonata agli ambienti himalayani. Negli ultimi decenni, questo settore del Monte Rosa ha avuto un’evoluzione particolarmente dinamica, legata alle trasformazioni della criosfera in relazione ai cambiamenti climatici. Imponenti frane, valanghe di roccia e ghiaccio, distacco di seracchi ne stanno rapidamente cambiando l’aspetto e i fenomeni in atto hanno attirato l’attenzione della comunità scientifica internazionale che ne ha documentato i possibili meccanismi. Si potranno osservare ed eventualmente filmare crolli attivi di seracchi di ghiaccio. Vedremo Il Ghiacciaio del Belvedere,dove sarà possibile osservare le imponenti  lingue del ghiacciaio che, con una superficie di circa 4,5 km2 rappresenta il più esteso ghiacciaio delle Alpi piemontesi. Si tratta di un ghiacciaio particolare, la cui lingua terminale raggiunge una quota molto bassa (circa 1800 m) ed è completamente coperta di detriti. I ghiacciai di questo tipo sono definiti “ghiacciai neri” e caratterizzano soprattutto le valli himalayane, mentre sono molto più rari nelle Alpi. L’osservazione del Ghiacciaio del Belvedere offrirà l’occasione per parlare della situazione dei ghiacciai alpini e italiani e dell’intensa fase di riduzione che li sta caratterizzando a causa dei cambiamenti climatici in atto. Si parlerà anche dei numerosi episodi di rischio ambientale che si sono succeduti negli ultimi decenni in questa area”.

E’ un evento esclusivamente riservato ai giornalisti per l’anteprima stampa della Settimana del Pianeta Terra la più imponente kermesse di promozione delle Geo – scienze , ideata e voluta da Rodolfo Coccioni dell’Università di Urbino e Silvio Seno dell’Università di Pavia , realizzata con il supporto delle Università Italiane , i Centri ed Istituti di Ricerca , dall’intero mondo delle Geo – Scienze . Un grande evento solo italiano, riconosciuto ufficialmente dal MIUR  durante il quale ci emozioneremo dinanzi all’Italia , al lavoro dei ricercatori, ai geo – siti di valore universale rimanendo affascinati da quanto gli scienziati di tutta Italia faranno vedere o racconteranno.  Scenderemo in grotte , visiteremo i Musei di Scienze Naturali, i siti archeologici nuovi, sconosciuti ma bellissimi . Eventi per tutti i gusti : 237 in contemporanea in tutto il Paese.