Smog: primo ok dell’Ue sulle norme per ridurre l’emissioni di trattori, treni, barche

MeteoWeb

Il settore produce circa il 15% emissioni ossidi azoto e 5% di particolato: l’Europarlamento oggi ha dato il primo ok per le nuove norme di utilizzo di alcuni strumenti come i tosaerba ed i trattori, ruspe ed escavatori

Primo ok dell’Europarlamento alle nuove regole per ridurre gli inquinanti prodotti da motori per tosaerba, trattori, ruspe, escavatori, fino alle locomotive e alle imbarcazioni per le acque interne. Nonostante si tratti di un settore limitato, la stima e’ che produca il 15% delle emissioni di ossido di azoto e il 5% delle emissioni di particolato nell’Ue. “Il voto di oggi costituisce un passo cruciale nel definire regole che migliorano la qualita’ dell’aria e quindi la vita dei cittadini” spiega Elisabetta Gardini (Fi), relatrice del testo, approvato dalla commissione ambiente con 64 voti a favore, tre contrari e nessuna astensione. Le regole dovrebbero coprire i motori a combustione interna usati in macchinari che vanno dai piccoli apparecchi portatili, come tosaerba e motoseghe, macchine agricole (mietitori, coltivatori), macchine da cantiere (ruspe, escavatori), fino alle automotrici, locomotive e imbarcazioni adibite alla navigazione in acque interne. Essendo in genere macchinari con una vita lunga, la bozza di nuove regole prevede misure per incoraggiare i proprietari a installare motori piu’ puliti, specie in aree densamente popolate e che violano le norme Ue sulla qualita’ dell’aria. La normativa include anche deroghe temporanee per le gru mobili e i motori delle chiatte prodotti da piccole e medie imprese. Le nuove regole saranno ora al centro di negoziati fra l’Europarlamento, Consiglio e Commissione europea.