A Roma la “Maker Faire”, la fiera dedicata agli “artigiani digitali”

MeteoWeb

Dal 16 al 18 ottobre Roma ospita la terza edizione di Maker Faire Rome the European edition, presso la città universitaria La Sapienza

Prende oggi il via a Roma la Maker Faire, ovvero la fiera dedicata agli ‘artigiani digitali’. Dal primo “telefono” per sordociechi al bastone hi-tech per ipovedenti, dal braccio robotico per la riabilitazione motoria al kit di gioco per aiutare i bambini ad apprendere la lingua dei segni: queste sono solo alcune delle innovazioni ideate per il settore della salute che saranno presentate nel corso dell’evento, dove oltre 600 espositori da tutto il mondo espongono le loro invenzioni e i loro progetti.

MakerFaireRomeIntervistaaMassimoBanzieCostantinoBongiornoIl progetto “Parloma”, ad esempio, è la prima sperimentazione di un sistema di comunicazione a distanza tra sordociechi. Il mittente comunica nel linguaggio dei segni e il sistema cattura il segno, lo elabora digitalmente e lo recapita al destinatario tramite un’interfaccia basata su braccia e mani robotiche antropomorfe low-cost, attraverso la lingua dei segni tattile. E gli inventori hanno pensato anche, nello specifico ai bambini sordi o sordociechi, per i quali è stato ideato “Manipolare”, ovvero un kit gioco a basso costo da usare come sussidio all’apprendimento del linguaggio dei segni. I pezzi del kit vengono stampati in 3ED, compresa la mano robotica che illustra i vari segni. Agli ipovedenti, invece, è dedicato il Safe Walk, ovvero l’alternativa tecnologica al bastone bianco che dà indicazioni in tempo reale, sia vocali che sensoriali (con vibrazione), sulle condizioni del terreno sul quale si cammina e sugli ostacoli presenti sia in casa che all’aperto.

Maker-Faire2Per la riabilitazione motoria, invece, è stato creato “Hubotics”, un esoscheletro indossabile motorizzato per arti superiori che consente la flesso-estensione controllata del gomito. L’obiettivo della macchina, stampata quasi interamente in 3D, è quello di consentire il movimento continuo del gomito in persone affette da disabilità motorie tramite un sistema a basso costo, in modo da garantire al paziente una riabilitazione intensiva direttamente a casa propria. Nell’eventualità di un incidente o di un malore, invece, c’è “Dr Jack”, un piccolo dispositivo da portare sempre con sé su cui sono memorizzati numeri di emergenza e tutte le informazioni sul proprio stato di salute, come allergie, eventuali patologie, gruppo sanguigno, interventi subiti e altro ancora. Per leggere le informazioni basta inserire l’apparecchio nella presa delle cuffie di un qualsiasi smartphone, tablet o pc.

Tra le attrazioni presenti è possibile ammirare anche una Voliera per droni, ovvero uno spazio interamente dedicato al volo di questi apparecchi; un’area dedicata alla musica; l’Area Kids per i più piccoli. All’interno di Maker Faire si svolgeranno anche dei workshop e dei laboratori con attività interattive per grandi e piccoli.

Per info http://www.makerfairerome.eu/