Alla scoperta di Alessandria, la città dei centauri

MeteoWeb

Ecco Alessandria, tra sport, storia e tragedie

Umberto Eco disse: “Alessandria non è stata fondata da un giorno all’altro come vuole la leggenda. È stata una impresa collettiva, lenta, faticosa, risultato di collaborazione da parte di genti diverse.” E in effetti, la città fu fondata nel 1168 e prese il nome di papa Alessandro III, che aveva scomunicato Federico Barbarossa. Le truppe imperiali, qualche tempo dopo, invasero la città, dando inizio ad un conflitto che si concluse solo con la sconfitta di Barbarossa. Nel 1198, divenne Libero Comune. Conosciuta come l’Alessandria della palude, passò successivamente sotto il controllo dei Visconti, per poi far parte del Ducato di Milano. Dopo il trattato di Utrecht del 1713, Alessandria finì sotto il controllo dei Savoia. Con le invasioni napoleoniche, l’intero Piemonte fu investito da quest’ondata. Nel 1802, Alessandria fu annessa alla Francia. Nel 1814 ha inizio un cammino a ritroso, prima torna agli Austriaci e poi torna a far parte del Regno di Sardegna, sotto il dominio dei Savoia. Durante il Risorgimento, Alessandria fu un importante centro politico.

Carcere-Alessandria-rivolta-don-soriaNel 1856, divenne capoluogo di provincia. A questo evento segue, la nascita di ferrovie e punti commerciali di una certa rilevanza, che contribuiscono ad esaltare la rilevanza politica della città. Durante la seconda guerra mondiale, Alessandria subì notevoli danni. I bombardamenti distrussero gran parte della città. Nel dopoguerra, il benessere economico colpì tutto il Settentrione e Alessandria crebbe sia dal punto di vista economico che demografico. Quando questa epoca finì, la popolazione diminuì nuovamente. Di questo periodo, Alessandria, purtroppo conosce due episodi drammatici. Il primo avvenuto il 9 e 10 maggio 1974 è conosciuto come la strage di Alessandria, consumatesi nei carceri con un dissidio tra gli stessi carcerati che costò la vita a a 7 persone. La città fu luogo anche di un evento particolare che, diede inizio ad una serie di eventi che difficilmente l’Italia può dimenticare. Fu proprio in questo territorio che, iniziarono le prime riunioni delle Brigate Rosse e che fu luogo del sequestro Gancia. Nel 1994, una grande alluvione colpì la città dovuta allo straripamento del fiume Tanaro, che provocò la morte di 11 persone.

SONY DSCAppuntamenti importanti che riempiono di vita la città sono: la Biennale di Poesia di Alessandria che raduna i più importanti poeti di Italia, il Salone del Biscotto, dedicato alla scoperta dei sapori del Piemonte, il Motoraduno Internazionale Madonnina dei Centauri, dove è possibile incontrare centauri provenienti da tutto il mondo. Da oggi fino al 3 Ottobre, la città ospita l’evento “Le giornate del Premio Adelio Ferrero”, tre giorni di cinema e critica, in cui sarà assegnato un premio ai giovani critici cinematografici. Per chi ama i dolci, l’evento Alè Chocolate è l’ideale. Sarà possibile visitare gli stand di tanti cioccolatieri, che presenteranno tante prelibatezze. Per gli appassionati di sport, è da sapere che Alessandria fu una delle prime città ad avere prime squadre di calcio. La squadra di calcio della città è la U.S. Alessandria, che attualmente milita in LegaPro e in cui crebbe il campione Gianni Rivera. Alessandria ha una lunga storia ciclistica, oltre ad avere avuto l’onore di far crescere alcuni dei più importanti campioni  Costante Girardengo, Fausto Coppi, Giancarlo Martini e Giorgio Zancanaro, è stata per sei volte tappa del giro d’Italia.