Alluvione Costa Azzurra: 17 morti e 4 dispersi, “è stata l’Apocalisse”

MeteoWeb

“E’ stata l’Apocalisse, una cosa del genere non si era mai vista”, ha commentato il sindaco di Mandelieu-la-Napoule, uno fra i comuni più colpiti della Costa Azzurra

Le piogge torrenziali e di una violenza senza precedenti che ieri si sono abbattute sulla Costa azzurra, tra Mandelieu-la-Napoule e Nizza, hanno causato la morte di 17 persone. Altre 4 persone risultano ancora disperse.
E’ stata l’Apocalisse, una cosa del genere non si era mai vista“, ha commentato Henri Leroy, sindaco di Mandelieu-la-Napoule, uno fra i comuni più colpiti. E’ soprattutto l’intensità delle precipitazioni, in un arco di tempo di tre ore, che ha sorpreso: tra le 19 e le 22 di sabato sera sono caduti infatti 180 mm di acqua a Cannes, 159 mm a Mandelieu-la-Napoule e 100 mm a Valbonne, vicino Biot.
Dal luogo del disastro, il presidente francese ha annunciato lo stato di calamità naturale per la regione delle Alpi Marittime, ha ringraziato i soccorritori e ha espresso la “solidarietà della nazione” alla popolazione colpita dalla catastrofe. Francois Hollande ha poi presentato le condoglianze ai familiari delle vittime.
Le catastrofi ci sono sempre state, ma il loro ritmo, la loro intensità si sono rafforzati“, ha commentato il capo di stato, che ha approfittato della situazione per lanciare un appello affinché vengano “prese delle decisioni” per lottare contro i cambiamenti climatici in occasione della Conferenza sul clima di Parigi di novembre.