Alluvione Olbia: situazione in miglioramento ma “la gente è ancora molto preoccupata”

MeteoWeb

La situazione a Olbia dopo il nubifragio che ieri ha fatto esondare il torrente Siligheddu

“La situazione va migliorando, ma c’è ancora tanto da fare. La gente è ancora molto preoccupata”. Così il colonnello Marco De Crescenzo, comandante del 5 Reggimento Genio Guastatori della Brigata Sassari, descrive all’Adnkronos la situazione a Olbia dopo il nubifragio che ieri ha fatto esondare il torrente Siligheddu. Sono circa 90 gli uomini dell’Esercito presenti nelle zone colpite, una parte operativi sul territorio, altri fanno da collegamento nell’ambito del centro operativo comunale a Olbia. Coinvolti anche militari del 152° reggimento fanteria della Brigata Sassari. “La situazione – spiega il colonnello – rispetto alla notte scorsa è migliorata: il livello del torrente si è abbassato sui livelli di guardia, molto lontano dal margine. Il fango sulla strada dopo l’esondazione del fiume, per la maggior parte è stato tolto, ora c’è il problema di vuotare le cantine. Altre esondazioni per ora non sono previste. C’è ancora molto da pulire, ci vorrà del tempo. Ma non ci sono pericoli per le persone”. “Le persone – prosegue il comandante del 5° reggimento Genio – sono preoccupate per le case e per le loro cose. All’esterno la situazione è tornata relativamente alla normalità, ora dobbiamo pensare agli ambienti che sono ancora sotto il livello dell’acqua”. In questo momento i militari sono presenti in corrispondenza del torrente Siligheddu con due squadre, una con una macchina per il movimento terra e l’altra con una motopompa. “Siamo stati chiamati ieri sera dalla prefettura di Sassari e abbiamo iniziato a operare, rimarremo qui fino a quando serve”.