Alluvione Olbia: torna il sereno ma resta l’allerta in Gallura

MeteoWeb

Sulla Sardegna la fase critica delle precipitazioni è terminata, inclusa la zona di Olbia e l’Arcipelago de La Maddalena

Da alcune ore non piove più sulla Gallura, ma le copiose precipitazioni di ieri hanno gonfiato gli alvei dei torrenti che ora scaricano a mare nei canali che attraversano principalmente Olbia. In Gallura sono state inviate ieri due colonne mobili della Protezione civile regionale della Sardegna e il 5° Reggimento Genio della Brigata ‘Sassari’. Stanno lavorando incessantemente per pulire strade e canali squadre del Comune di Olbia, della Protezione civile, dei vigili del fuoco, compreso il Nucleo Speleofluviale di Abbanoa e della polizia municipale per riportare la situazione alla normalità. I danni alle strutture sono ingenti, mentre scoppiano le polemiche per la demolizione del ponte sul Rio Siligheddu, dopo la ricostruzione costata circa 100mila euro dopo l’alluvione del novembre 2013. Intanto la situazione migliora. Il Settore Meteo dell’Arpa Sardegna comunica che ”il minimo al suolo dato dal ciclone mediterraneo si trova ormai sulla Corsica. Il fronte associato che è transitato sulla Sardegna nelle ultime 24 ore si trova anch’esso tra la Sardegna e la Corsica dove sta producendo abbondanti precipitazioni, come ad esempio i 69mm/6h registrati a Capo Pertusato nelle prime ore del mattino. Sulla Sardegna la fase critica delle precipitazioni è terminata, inclusa la zona di Olbia e l’Arcipelago de La Maddalena. Deboli piogge sparse si registrano sul territorio regionale. Quest’ultimo fenomeno proseguirà in maniera intermittente nelle prossime ore”. I livelli degli invasi e dei torrenti stanno tonando nella norma.