Astronomia: ecco l’ultimo bacio tra due stelle

MeteoWeb

Alcuni astronomi hanno scoperto due stelle straordinarie nel momento in cui si scambiano forse “l’ultimo bacio”

Ognuno di noi conserva nel suo cuore, chi sorridendo o chi con il orrore, il momento in cui ha dato il suo primo bacio. Ognuno di noi ricorda quel momento perfetto, in cui, ha donato all’uomo o alla donna della sua vita, quel gesto d’affetto semplice e naturale. Oggi, invece, questi bei ricordi saranno sostituiti da un evento spettacolare: il bacio definito “mortale” o “ultimo” tra due stelle. Le due stelle, scoperte dal gruppo di ricerca del prof. Leonardo Almeida, si trovano nella Grande Nube di Magellano, più precisamente nella Nebulosa Tarantola, a 160.000 anni luce dal pianeta Terra. Le due stelle hanno una temperatura elevatissima pari a circa 40 mila gradi e presentano una struttura molto similare.

supernova Dalla loro osservazione è emerso che, le due non fanno altro che ruotare l’una intorno all’altra. Fin qui nulla di strano, visto che tale comportamento è tipico dei sistemi binari. Ciò che ha stupito gli studiosi e il team internazionale dell’Università di Santa Barbara è che, almeno una volta al giorno, le due stelle si toccano creando un ponte attraverso cui si scambiano materiale. Generalmente, invece, le stelle più piccole assorbono materiale da quelle più grande. In questo caso specifico, lo scambio reciproco è dovuto alla struttura similare delle due. Il momento esatto in cui avviene il “bacio”, secondo Almeida, è difficile da poter cogliere, ma ha una importanza notevole; visto che da questo scaturirebbero degli atomi di ossigeno, il cui ruolo è fondamentale nella evoluzione delle galassie. Il problema è che, come tutte le cose belle e straordinarie anche queste hanno una loro fine. La scoperta pubblicata su  The Astrophysical Journal, spingerebbe gli studiosi a dedurre che le due stelle potrebbero fondersi in un’unica stella gigante, per poi esplodere in quella che è definita come “lampi di luce gamma di lunga durata” o ancora continuare a vivere separatamente, terminando con una esplosione di supernova, che provocherebbe la nascita di un sistema binario di buchi neri.