Carne cancerogena, esperto Usa: “questione di moderazione”

MeteoWeb

E’ tutta questione di moderazione: cosi’ il contrammiraglio Susan J. Blumenthal, ex consigliere presidenziale americano per la Sanita’ pubblica, ha commentato con l’AGI l’allarme lanciato dall’Organizzazione Mondiale della Sanita’ sulla correlazione tra carnerossa e insorgenza di tumori. L’esperta americana, a Roma per essere insignita domani del dottorato di ricerca honoris causa in Tecnologie avanzate in Chirurgia dall’Universita’ La Sapienza, sottolinea che e’ tutta una questione di “moderazione”, distinguendo anche il cibo fresco da quello lavorato. Rispetto a quest’ultimo, “quello che spaventa di piu’ la gente sono gli agenti chimici, i conservanti, l’affumicatura”. In ogni caso, “non penso che (la carne rossa e i cibi lavorati) siano allo stesso livello del tabacco”, come affermato dall’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, suscitando la reazione dell’industria ma anche di una parte della classe medica che ha invitato alla moderazione e a uno stile di vita piu’ sano, evitando pero’ allarmismi. “In questa era della tecnologia – ha osservato la Blumenthal – siamo oggi in grado di modificare il cibo, cambiandone sapore, colore, la durata della conservazione sugli scaffali: forse sono proprio alcuni di questi processi che non sono salutari per noi”.