Clima, il Wwf: “governi ascoltino appello dei vescovi e diano esempio”

MeteoWeb

”Un appello sul clima di straordinaria importanza. I governi ascoltino e diano l’esempio per il futuro”. Cosi’ il Wwf Italia a proposito di quanto chiesto oggi, in rappresentanza della Chiesa dei cinque continenti, da cardinali, patriarchi e vescovi di varie Conferenze episcopali delle diverse parti del mondo, in vista della Cop21, il vertice mondiale delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici in programma a dicembre a Parigi. I vescovi, prosegue Mariagrazia Midulla, responsabile clima ed energia del Wwf Italia, chiedono ”un accordo sul clima che sia equo, giuridicamente vincolante e generatore di un vero cambiamento: il documento e’ molto importante e importanti sono state le considerazioni dei rappresentanti delle conferenze episcopali nella conferenza stampa seguita alla firma che hanno mostrato come la presa di posizione affondi le sue radici nella loro esperienza pastorale, dalle conseguenze della deforestazione e del cambiamento climatico in Amazzonia, alla minaccia alla sopravvivenza delle piccole isole del Pacifico”. ”E’ la prima volta – osserva Midulla – che vescovi di tutto il mondo rivolgono un appello congiunto di questa portata e chiedono esplicitamente la decarbonizzazione e l’uscita dai combustibili fossili. Ci auguriamo che i governi tengano conto di questa presa di posizione, a cominciare da quelli europei che devono dare l’esempio per il futuro, coscienti delle proprie responsabilita’ sul passato”. Partendo dalla scelta etica di considerare come ”bene” la necessita’ di vivere in armonia con la natura nel rispetto dei diritti umani, nell’appello – conclude – ”si chiede esplicitamente di limitare l’aumento della temperatura globale, di fissare un obiettivo per la completa decarbonizzazione entro meta’ secolo, di porre fine all’era dei combustibili fossili, di fornire a tutti l’accesso alle energie rinnovabili e all’acqua”.