Ebola: le condizioni dell’infermiera scozzese “nettamente migliorate”

MeteoWeb

Aveva contratto l’Ebola in Sierra Leone ma era stata considerata completamente ristabilita il 24 gennaio

Le condizioni di salute di Pauline Cafferkey, l’infermiera britannica ricoverata il 9 ottobre scorso per una recidiva dell’infezione del virus dell’Ebola, sono “nettamente migliorate”: lo ha annunciato il Royal Free Hospital di Londra. I medici hanno spiegato che l’infermiera – che aveva contratto l’Ebola in Sierra Leone ma era stata considerata completamente ristabilita il 24 gennaio – è stata in effetti vittima di una meningite, provocata tuttavia dal virus che era rimasto presente nel midollo spinale. Si tratta in ogni caso del secondo caso conosciuto di recidiva – o piuttosto “riattivazione” – del virus, e non vi sono precedenti per una ricaduta a una tale distanza di tempo dalla prima infezione.