Ecco il patto per il clima, accordo tra 10 compagnie petrolifere

MeteoWeb

Le dieci compagnie petrolifere, che rappresentano un quinto della produzione mondiale di petrolio e di gas, hanno deciso di darsi l’obiettivo di limitare il riscaldamento globale nel limite dei 2 gradi

“Con il gas si può fermare il riscaldamento globale”: l’amministratore delegato dell’Eni Claudio Descalzi e altri nove ceo — quelli di BG group, Bp, Pemex, Reliance Industries, Repsol, Saudi Aramco, Shell, Statoil e Total — hanno annunciato una strategia comune sulle emissioni di CO2 e di metano, i principali gas serra. Le dieci compagnie, che rappresentano un quinto della produzione mondiale di petrolio e di gas, hanno deciso di darsi l’obiettivo di limitare il riscaldamento globale nel limite dei 2 gradi.

LaPresse/Reuters
LaPresse/Reuters

“L`Europa è stata la prima a muoversi su energie rinnovabili ed efficienza. Ma così paga per l`energia prezzi più elevati e mette a repentaglio la competitività delle sue imprese. Noi auspichiamo che a Parigi i policy maker individuino non solo un quadro di obiettivi, ma anche di modalità e di regole che servano a eliminare la sperequazione competitiva tra le aziende. E questo non può essere il mercato a farlo, devono essere gli Stati e le istituzioni”, ha spiegato Descalzi in un’intervista al Corriere della Sera, augurandosi che in futuro anche le compagnie americane partecipino. “Non si deve contrapporre il libero mercato all`ambiente: quando la posta in gioco è così elevata i concetti liberistici vanno riconsiderati e guidati. Nessuno attacca il libero mercato, sia chiaro, ma se diciamo che dobbiamo promuovere energia low carbon non può essere il mercato a farlo. E per promuoverla dobbiamo anche penalizzare chi emette troppa CO2».
Gli impegni concreti “sono lasciati a ogni compagnia, in questo momento ci siamo concentrati su temi precisi, come appunto il riconoscimento del limite dei due gradi, la spinta verso l`efficienza energetica e la riduzione delle emissioni. Alcuni di noi, tra cui l`Eni, riconoscono la necessità di assegnare un prezzo alla CO2 e di ridurre il flaring (la pratica di bruciare il gas in eccesso estratto con il petrolio, ndr). Dal 2005 ad oggi queste società hanno già diminuito le loro emissioni del 20%. L`Eni del 27% nel periodo 2010-2014”.
“Credo che una presa di posizione ragionevole e omogenea degli Stati sul clima possa avere un impatto positivo sugli investitori, perché darebbe a tutto il settore più credibilità e una visione di lungo termine. La nostra industria lavora su cicli molto lunghi e proprio per questo più che alla massimizzazione immediata del profitto deve guardare al valore che crea”.
In Italia intanto si va verso un referendum sulle trivellazioni offshore: “Non vorrei entrare nella discussione di un referendum politico. Come Eni dico solo che non facciamo pozzi esplorativi offshore dal 2009 e – conclude Descalzi – non ci sono programmi per farli. Oltre le 12 miglia abbiamo pozzi a gas convenzionali e il gas è il miglior combustibile fossile che abbiamo. Ci sono forse problemi più importanti che bloccare pozzi che non si stanno facendo”.