Lago Retba: il suggestivo “lago rosa” del Senegal. Ecco perché ha questo colore [FOTO]

    /
    MeteoWeb

    Situato lungo la costa settentrionale del Senegal, il lago Retba deve la sua colorazione rosa alla presenza di un batterio alofilo, il Desulfohalobium retbaense

    Inserito tra i luoghi sotto osservazione dell’Unesco e come possibile candidato tra i patrimoni dell’Umanità, il lago Retba è uno dei laghi più belli del pianeta. Situato lungo la costa settentrionale del Senegal, a circa 30 km dalla capitale Dakar, questo meraviglioso lago, con superficie che non superiore ai 3 km quadrati, è conosciuto come lago rosa. Separato dall’Oceano Atlantico da grandi dune sabbiose e da una fitta vegetazione, si chiama così per via della sua particolare colorazione rosa, dovuta alla presenza di un batterio alofilo, ossia amante del sale, il Desulfohalobium retbaense, presente in forte densità nelle acque del lago.

    LAGO RETBALe membrane del batterio contengono particolari pigmenti, responsabili della colorazione rosso/rosacea. Nel “lago rosa” la concentrazione salina è molto elevata (simile a quella del Mar Morto) ed essa impedisce al lago di prosciugarsi, attenuando l’evaporazione e dando lavoro a molte persone. Quotidianamente, infatti, sin dagli anni 80’, il sale viene raccolto da uomini solo dopo che essi si sono spalmati il corpo col burro di karitè, per evitare la disidratazione, si immergono nelle acque del lago fino alle ascelle e, tramite l’utilizzo di un lungo bastone staccano i pezzi di sale dalla crosta sul fondo. I blocchi di sale, poi, vengono caricati sulle piroghe, portati a riva e trasportati in secchi dalle donne sulla spiaggia. Il sale, grezzo e grigio, viene ammassato in collinette e lasciato al sole per qualche giorno affinchè diventi bianco. E’ consigliabile visitare il Lago Rosa durante la stagione secca (da novembre a giugno), quando l’esposizione al sole fa aumentare la produzione di pigmento e l’effetto è ancora più spettacolare. Per scattare la foto ricordo perfetta, invece, meglio attendere il momento in cui il sole è allo Zenit.