Le Previsioni Meteo shock della TV di Stato in Russia: “condizioni ideali per i bombardamenti in Siria”

MeteoWeb

La televisione russa ha alzato il livello della sua copertura dell’intervento militare in Siria, mandando in onda previsioni del tempo favorevoli per i jet russi che bombardano il territorio siriano. Una meteorologa del canale all news pubblico Rossiya 24 ha spiegato ai telespettatori che in ottobre il meteo siriano è “ideale per sortite operative”. In piedi davanti all’immagine di un bombardiere sotto la scritta “Tempo per volare” la meteorologa ha fornito una documentata analisi delle condizioni meteo perfette per un bombardamento aereo.

TOPSHOTS-SYRIA-CONFLICT-RUSSIAUna leggera copertura nuvolosa “non rende più difficoltoso il volo e non influenza i sistemi di puntamento delle armi” ha spiegato sabato alla sua audience. “Gli esperti osservano che il momento dell’inizio delle operazioni a aere è stato molto ben scelto” ha puntualizzato la meteorologa, passando da una carta del tempo alle immagini dei raid aerei diffuse dal ministero delle Difesa.
Giovedì la stessa rete aveva lanciato una previsione meteo altrettanto soleggiata dopo i primi bombardamenti russi in Siria, promettendo tempo stabile nei giorni a venire.
“Da oggi la Siria è diventata un’altra regione russa ed è compresa nelle previsioni del tempo” ha commentato un utente Twitter. “neppure in Urss facevano propaganda con le previsioni del tempo” ha scritto Tatyana Karagova, lettrice di Novaya Gazeta, sul sito del quotidiano d’opposizione.
Non è la prima volta negli ultimi anni che le previsioni meteo russe assumono un colore politico. I canali televisivi si affrettarono a includere la penisola ucraina della Crimea nelle previsioni del tempo all’indomani dell’annessione da parte di Mosca a marzo 2014. Un meteorologo di Rossiya 24 avvertì di una formzione nuvolosa sull’Ucraina e di un “vento di cambiamento” poco dopo che i ribelli filorussi dichiararono una repubblica popolare nelle città di Donetsk, ad aprile dello scorso anno.
Oggi la copertura media dei raid siriani ha oscurato quella del conflitto ucraino.