Maltempo, Curcio: l’allerta “arancione” non esclude la possibilità di vittime

MeteoWeb

Curcio difende l’operato dei soccorritori e risponde alle polemiche sull’allerta “arancione”

Il capo della protezione civile Fabrizio Curcio difende l’operato dei soccorritori “che stanno lavorando ancora oggi per fronteggiare l’emergenza”, dice al termine di una riunione operativa nella prefettura di Benevento. “I nostri sistemi di allerta sono modulari e raccolgono le segnalazioni su base regionale. Il livello nazionale le rende omogenee. Il livello nazionale e’ stato attivato il 19 ottobre, dopo il primo livello regionale del 15 ottobre. Ci basiamo su modelli di previsione riconosciuti a livello internazionale. Ci sono delle inesattezze ma stiamo lavorando per migliorare questi modelli”. La precisazione scaturisce dalle polemiche sul funzionamento della protezione civile che si e’ mossa sulla scorta di un allarme di livello arancio. “Anche in questo caso non viene esclusa la possibilita’ di morti, ma ex post possiamo poi classificare l’evento di livello di allarme rosso”.