Maltempo Frosinone, Coldiretti: ora più prevenzione

MeteoWeb

Il direttore Coldiretti Frosinone, Giuseppe Campione, commenta la firma del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, che ha dichiarato lo stato di calamità naturale

“Prendiamo atto di un provvedimento che apre la strada di accesso ai risarcimenti. Ma resta l’urgenza, nazionale e regionale, di una politica per la mitigazione del rischio idrogeologico che preveda, tra le altre, efficaci misure di prevenzione sia per proteggere i 13 milioni di ettari coltivati in Italia, sia per tutelare le comunita’ residenti nei 6.633 comuni (ovvero l’82% del totale) in cui sono presenti aree a forte rischio”. Lo dichiara il direttore Coldiretti Frosinone, Giuseppe Campione, commentando la firma del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, che ha dichiarato lo stato di calamita’ naturale per il maltempo che il 14 ottobre scorso ha colpito l’area nord del Frusinate, in modo particolare Anagni e Paliano, oltre a sei comuni della provincia romana, con danni ingenti. “Ora procediamo con la certificazione dei danni subiti dalle aziende agricole. La verifica e’ un atto imprescindibile. I nostri tecnici – aggiunge il presidente Coldiretti Frosinone, Vinicio Savone – sono impegnati nei sopralluoghi per accertare le conseguenze della eccezionale ondata di maltempo di ottobre. Invito agricoltori e allevatori a contattarci. Invieremo sul posto i nostri agrotecnici – conclude Savone – per fare una ricognizione e stilare il verbale di verifica”. Nel comparto agricolo in Ciociaria i danni maggiori ci sono stati nei fabbricati di alcuni aziende invasi dal fango tracimato dalle strade vicinali e nei campi coltivati a ortaggi e cereali.