Maltempo Sardegna: torna il sole a Olbia, furiosa polemica sul ponte ricostruito e poi demolito

MeteoWeb

Sul caso del ponte ricostruito e poi demolito monta una furiosa polemica

Olbia si e’ svegliata con il sole dopo una notte di pioggia. Come annunciato, alle 6 di stamani l’allerta meteo di criticita’ elevata e’ stata declassata e l’emergenza, in pratica, e’ cessata. Nelle centinaia di abitazioni semi sommerse a causa delle esondazioni dei fiumi Siligheddu, San Nicola e Zozzo’ si lavora per spalare il fango mentre la macchina dei soccorsi e’ in piena attivita’. La situazione della vibilita’, estremamente compromessa ieri con la chiusura di circa 80 strade urbane, sta rientrando nella normalita’. Riaperte al traffico anche le direttrici per Telti e Arzachena mentre resta chiusa via Vittorio Veneto dove, ieri, gli operai comunali sono interventi d’urgenza per demolire il ponte sul rio Siligheddu, gia’ distrutto dall’acqua durante l’alluvione del 2013 e ricostruito tale e quale con circa 80.000 euro di fondi d’emergenza della protezione civile. Sul caso del ponte ricostruito e poi demolito monta una furiosa polemica. La struttura a tre arcate aveva gia’ dimostrato la sua pericolosita’ il 18 novembre e anche nei giorni scorsi si e’ rivelato un tappo, ostacolando il deflusso delle acque e causando l’allagamento del centro abitato. Il sindaco di Olbia, Gianni Giovannelli, interrogato sulla questione, ha affermato di essere stato costretto al ripristino anziche’ alla costruzione ex novo di una struttura idonea, dalla destinazione d’uso dei fondi a disposizione, con i quali era possibile effettuare solo lavori di ripristino. Intanto, per le vie della citta’ e’ al lavoro anche la Brigata Sassari, intervenuta su richiesta della Prefettura di Sassari. Allagamenti nella notte si sono registrati anche nel resto della Gallura, in particolare a Golfo Aranci e La Maddalena, cosi’ come nelle borgate costiere di Pittulongu e Murta Maria. A Santa Teresa, i vigili del fuoco sono intervenuti per liberare l’ingresso della casa di un’anziana donna, ostruito da un albero caduto a causa del vento.