Ricerca: il volume del cervello predice il rischio di declino cognitivo

MeteoWeb

Maggiore è il volume del cervello, minore è il rischio di declino e demenza

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Alzheimer’s Research and Therapy dal gruppo di ricerca di Aaron Bonner-Jackson della Cleveland Clinic, sarebbero fondamentali le dimensioni dell’ippocampo, il centro della memoria: maggiore è il volume del cervello, minore è il rischio di declino e demenza.

L’ippocampo è la sede della memoria spaziale e verbale ed è un’area fondamentale per la creazione di nuovi ricordi. Gli esperti hanno voluto verificare se vi fosse una correlazione tra declino mentale e le dimensioni del cervello in una popolazione di 226 individui ad alto rischio demenza perche’ gia’ in cura per patologie di tipo amnesico. Gli esperti hanno sottoposto isoggetti ad una serie di test di memoria verbale e spaziale, due categorie mnemoniche che fanno riferimento rispettivamente all’ippocampo dell’emisfero sinistro e dell’emisfero destro. E’ emerso che il punteggio a queste due classi di test e’ risultato correlato al volume delle rispettive porzioni di ippocampo. Maggiore era il volume dell’ippocampo sinistro, migliore la memoria verbale dei pazienti; piu’ grande l’ippocampo destro, migliore la memoria spaziale dei pazienti. Per quanto insufficiente a comprovare l’esistenza di un rapporto di causa ed effetto tra volume dell’ippocampo e rischio di declino mentale, questo studio offre un immediato mezzo visivo per individuare i pazienti piu’ a rischio di declino cognitivo e mnemonico.