Salute: da evitare il contatto con gli ftalati

MeteoWeb

Sono sostanze inquinanti contenute persino nei cosmetici e ora uno studio ne ha svelato la pericolosità attraverso il semplice contatto

Gli ftalati sono diffusissime sostanze inquinanti contenute in una vasta gamma di prodotti, tra cui materiali plastici e cosmetici.In tutto il mondo si producono circa 2 milioni di tonnellate di ftalati ogni anno, e alcune ricerche, anche se ancora preliminari, ne hanno legato l’esposizione ad asma e allergie e all’aumento del rischio di alcuni tumori. Della sua nocività si parla da tempo, ma le novità in merito che arrivano dagli scienziati non sono rincuoranti. Secondo un recente studio, infatti, pare che gli ftalati possano entrare nel corpo attraverso la pelle, in una quantità pari a quella che entrerebbe inalandoli. Lo ha scoperto una ricerca dell’Università di Washington pubblicata da Environmental Health Perspectives.

ftalatiPer verificare l’eventuale assorbimento attraverso la pelle i ricercatori hanno esposto sei volontari sani a due tipi di ftalati, contrassegnati dalle sigle Dep e Dnbp, facendo indossare loro solo slip e un casco che preveniva l’inalazione. Alla fine sono state raccolte le urine per verificare la presenza dei metaboliti delle due sostanze. In seguito i volontari sono stati esposti agli ftalati indossando una tuta protettiva, ma questa volta con la possibilità di inalarli. “L’assunzione attraverso la pelle del Dep è stata più alta del 10% rispetto a quella via inalazione – sottolineano gli scienziati – mentre per il Dnbp è stata più alta dell’82%. Anche se il campione di sei persone è molto piccolo, i risultati sono sufficientemente forti da richiedere studi più ampi”.