Salute: metà degli anziani sbaglia le aspettative di vita e non segue i consigli dei medici

MeteoWeb

Secondo un recente studio, metà degli anziani sbaglia le aspettative di vita e prende, così, decisioni mediche sbagliate

Ognuno di noi, soprattutto una volta raggiunta l’età adulta, fa delle previsioni relative alla durata della sua vita. Per quanto, il desiderio di molti è quello di poter vivere il più a lungo possibile; in realtà solo in pochi pensano di poterlo fare. In pochi sanno anche che, la vita si è allungata di molto rispetto a soli trent’anni fa e che a settanta anni, una donna ha ancora venti anni di vita davanti a sè e gli uomini circa diciotto. Eppure metà degli anziani, a causa delle proprie previsioni, intraprende decisioni mediche sbagliate. Questo è quanto, appunto, riportato dai ricercatori dell’Università della California, a San Francisco, il cui studio è stato pubblicato da Jama Internal Medicine. I ricercatori hanno chiesto a circa 2 mila adulti sopra i 64 anni di predire le proprie chance di vivere almeno altri dieci anni. Dai risultati è emerso che, solo il 55% dei partecipanti ha fatto una stima simile ai calcoli, il 33% ha fatto una stima più bassa, mentre solo il 12% ha sovrastimato le proprie chance. Così riferito, non sembrano esserci grosse conseguenze. In realtà le previsioni di vita fatte, spingono i pazienti a prendere decisioni mediche sbagliate, a non interrompere atteggiamenti sbagliati come il fumo o una cattiva alimentazione o ancora, un’alta sedentarietà e, infine a non seguire i trattamenti consigliati. D’altro canto, coloro che hanno aspettative molto alte richiedono trattamenti, di cui non potranno beneficiare. Il consiglio è di seguire uno stile di vita equilibrato, con esercizio fisico e sana alimentazione in modo da poter aumentare le proprie aspettative di vita.