Terremoto tra Pakistan e Afghanistan, Wafaq-ul-Madaris-e-Arabia: “la terra trema per il peso del peccato”

MeteoWeb

“Perché c’è stato il terremoto? Perché quando la terra non può reggere il peso del peccato, trema”. Sono le parole di maulana Abdul Qudus, religioso pakistano dell’ente sunnita Wafaq-ul-Madaris-e-Arabia, che arrivano dopo il violento sisma di ieri in Pakistan e Afghanistan che ha fatto almeno 425 morti. Wafaq-ul-Madaris-e-Arabia gestisce oltre 12mila scuole coraniche in Pakistan, vanta una ‘rosa’ di migliaia di religiosi al suo servizio e milioni di seguaci.

Wafaq-ul-Madaris-e-Arabia“Dovremmo ringraziare Dio Onnipotente perché il Paese è stato risparmiato da altre grandi catastrofi”, è scritto in un comunicato. Per maulana Qudus, citato dall’agenzia di stampa Dpa, “tutti noi dobbiamo cercare il perdono di Dio e promettere di non ripetere i nostri peccati in futuro in modo da evitare simili disastri”. Un’interpretazione, questa, che fa discutere. “E’ come gettare del sale sulle nostre ferite – ha commentato Jamaluddin Khan della città di Swat, duramente colpita dal sisma – Può accadere ovunque, a chiunque. Questi religiosi dovrebbero sapere che alcuni profeti, quelli che loro stimano, hanno affrontato disastri come la carestia. Parlerebbero anche in questi casi di collera divina?”.