Ultraleggero precipita alle porte di Roma, due morti [FOTO]

    /
    MeteoWeb

    Un velivolo ultraleggero e’ precipitato ad Aprilia, cittadina alle porte di Roma. Le due persone che erano a bordo del velivolo sono morte e i loro corpi sono stati recuperati dai vigili del fuoco intervenuti sul luogo dell’incidente. L’elicottero ultraleggero civile e’ precipitato in un campo in cui si coltivano kiwi. L’incidente, le cui cause sono ancora in corso di accertamento, e’ avvenuto a Lanuvio. Sul posto i carabinieri della stazione di Lanuvio e della Compagnia di Velletri, i vigili del fuoco e il 118.

    A bordo dell’ultraleggero c’erano due piloti esperti, veterani dell’Aeronautica militare: Gino Fischione e Paolo Caruso, ora in pensione, avevano infatti prestato servizio per lunghi anni nell’Arma azzurra come ufficiali piloti del soccorso aereo e come istruttori di volo. “Un pensiero affettuoso a due nostri colleghi che hanno contribuito con passione, professionalita’ e competenza a portare in alto il nome dell’Aeronautica Militare. Il loro operato, per anni al servizio della collettivita’, racchiude il senso e la missione della Forza Armata. Siamo vicini ai loro cari in questo momento di dolore”, afferma il capo di Stato maggiore dell’Aeronautica, il generale Pasquale Preziosa, esprimendo “profondo cordoglio alle famiglie dei due piloti deceduti nel tragico incidente”.

    Uno delle due vittime dell’incidente e’ un pilota aquilano, Gino Fischione, 61 anni, molto esperto sia di aerei sia di elicotteri, ex colonnello dell’aeronautica militare e, una volta in pensione, collaudatore dell’Agusta. Fischione lascia la moglie, anche lei aquilana e una figlia. Pur vivendo a Ciampino, molto spesso tornava all’Aquila dove era molto conosciuto e stimato. “Era una persona splendida, oltre a essere un grande pilota, ha dedicato la sua vita al volo, era un uomo di una grande umanita’, sempre disponibile e pronto a dare una parola di conforto e ad aiutare il prossimo”, e’ il ricordo dell’ex consigliere e assessore comunale dell’Aquila Corrado Ruggeri, ex presidente dell’aeroclub dell’Aquila, che ammette di “aver pianto quando oggi ho saputo della scomparsa di un grande amico che ha fatto l’istruttore nel nostro Aeroclub”.