Un’allergia alle carni rende vegetariani, colpa di una zecca

MeteoWeb

Una nuova forma di allergia legata al consumo di carne di manzo, maiale o agnello

Viene chiamata Lone Star (Amblyomma americanum) ed è una zecca in grado di attivare gli anticorpi che a loro volta possono scatenare una nuova forma di allergia legata al consumo di carne di manzo, maiale o agnello e che costringe chi ne e’ colpito ad una dieta vegetariana, almeno per alcuni mesi. E’ ciò che emerge dal Congresso Nazionale AAITO (Associazione Allergologi Immunologi Territoriale Ospedalieri), in chiusura oggi a Bergamo e da poco pubblicati sulle riviste scientifiche. Lo studio (“High prevalence of sIgE to Galactose -a1,3-galactose in rural pre Alps area: a cross sectional study”) appena pubblicato (9 ottobre 2015) su Clinical Experimental Allergy, dal gruppo di allergologi della S.C. Allergologia e immunologia clinica, Azienda Ospedaliera Santa Maria Degli Angeli di Pordenone, ha studiato l’intera popolazione di “Tremonti” in Friuli Venezia Giulia, confermando un’alta percentuale di positivita’ IgE anti-alpha-Gal, pari al 24,7%. “L’allergia ad alpha-gal, e’ un nuovo modello di reazione allergia – dichiara il Dott. Danilo Villalta, Responsabile della S.C. Allergologia e immunologia clinica, Azienda Ospedaliera Santa Maria Degli Angeli.”

carne aids“Non si tratta di una reazione allergica classica ad un alimento, ma di un percorso piu’ complicato, dovuto in pratica ad una zecca: la Lone Star. Il suo morso inietta uno zucchero, l’alpha-gal, nella pelle della persona stimolando il sistema immunitario a produrre una gran quantita’ di anticorpi immunoglobuline E, gli anticorpi responsabili delle reazioni allergiche. Poche settimane piu’ tardi, quando i segni delle puntura di zecca sono scomparsi, la persona mangia carne rossa. Per due o tre ore, non accade nulla. Poi, compare orticaria, spesso seguita da gonfiore sul viso, forte calo della pressione sanguigna e, nei casi piu’ gravi, anafilassi. Dato che il soggetto e’ stato sensibilizzato all’alpha-gal dal morso di zecca, il corpo reagisce in maniera esagerata all’alpha-Gal della carne con una risposta allergica. Il nostro gruppo oltre ad aver recentemente descritto i primi casi in Italia, ha studiato, un intero paese in Friuli, dove le zecche sono endemiche. La ricerca ha dimostrato che la presenza di questi anticorpi presenti nella popolazione e’ molto elevata ed arriva quasi fino al 30% dei casi. Questo significa che in alcune zone, soprattutto quelle montuose o rurali dell’Italia dove le zecche sono endemiche, ci sono buone possibilita’ di trovarci di fronte a questa nuova forma di allergia. Data la particolare orografia dell’Italia e’ molto probabile che in futuro l’allergia ad alpha-gal sara’ diagnosticata in modo consistente.” La buona notizia e’ che l’allergia all’alpha-gal viene meno con il tempo (8 mesi – 3 anni), se non si viene punti nuovamente da una zecca. Per coloro che rimangono allergici, invece, non rimane che una dieta vegetariana.