Acqua: “Gela come Messina” la petizione web raccoglie 2.500 firme in 5 giorni

MeteoWeb

Gli abitanti di Gela si ribellano contro la cattiva gestione idrica degli ultimi anni, ecco che allora lanciano la petizione web “Gela come Messina” che ha raccolto 2.500 firme in 5 giorni

A Gela la situazione, per quanto meno drastica, sembra essere molto simile a quella di Messina. Qui, infatti, dopo la chiusura del dissalatore regionale gestino dall’Eni, l’approvvigionamento idrico, nonostante sia garantito da più fonti, è scadente. L’acqua, infatti, arriva ogni due- tre giorni ed è di colore giallastro. La popolazione è quindi costretta ad utilizzare l’acqua minerale per bere e cucinare; anche a causa delle continue interruzioni della vecchia rete idrica, che negli ultimi mesi si sta cercando di rinnovare. I problemi sono dati anche dalle incomprensioni e dalla considerazione dei cittadini nei confronti dell’azienda Caltaqua, che ha vinto l’appalto per la gestione trentennale del servizio idrico in tutta la provincia di Caltanissetta. A Gela, nessun cittadino è soddisfatto del servizio tanto che numerose sono state le petizioni popolari firmate ed è stata anche lanciata la campagna “Gela come Messina”, con 2.500 firme in cinque giorni, per chiedere l’intervento dello Stato e della Regione. I gelesi, infatti, ricordano che ogni partito, in campagna elettorale, aveva premesso la rescissione del contratto con Caltaqua. L’azienda, invece, denuncia la popolazione per il mancato pagamento e proprio per questo è stato deciso di usare il pugno di ferro.