Agenzia Spaziale Europea: cambi al vertice

MeteoWeb

“In questo modo la nuova Esa sarà al completo e pronta a preparare i dossier per la prossima ministeriale prevista in Spagna per il dicembre 2016”

Su proposta del direttore generale Jan Woerner, il Consiglio ristretto dell’Agenzia Spaziale Europea ha nominato all’unanimità otto nuovi direttori su dieci disponibili nella nuova organizzazione. Tra loro anche l’italiano Franco Ongaro, confermato al Direttorato Tecnologia e Qualità che gestisce i laboratori di Estec in Olanda e 1.200 dipendenti. “La conferma di Franco Ongaro è un riconoscimento al suo eccellente lavoro”, ha confermato il presidente dell’Asi e capo delegazione Esa, Roberto Battiston. “E’ un risultato positivo per l’Italia perché riflette la stima per gli italiani, vista l’importanza e il coinvolgimento che il Direttorato Tecnologia e Qualità ha nello sviluppo della maggior parte delle missioni spaziali europee”.

L’Esa punta sul rinnovamento, visto che si tratta per la metà di nuove nomine. Nello specifico, per il settore delle Applicazioni Spaziali, la tedesca Magalie Vessier (uscente e confermata) alle Telecomunicazioni e Applicazioni Integrate, e l’olandese Paul Verhoef a Galileo e Attività di Navigazione; per il settore Scienza ed Esplorazione, lo spagnolo Alvaro Jmenez Canete (uscente e confermato) alla Scienza, e il britannico David Parker all’Esplorazione Umana e Robotica dello Spazio; per il settore Tecnologia Spaziale e delle Operazioni, il tedesco Rolf Densing alle Operazioni; per il settore Amministrativo, il Francese Jean Max Puech alle Risorse umane, Gestione dei Siti, Finanze e Controllo di Gestione, e il belga Eric Morel de Westgaver (uscente e confermato) all’Industria, Approvvigionamento e Servizi Giuridici.

La nuova organizzazione, dichiarano dall’Asi, verrà chiusa a breve con il bando e le nomine degli ultimi due direttori in scadenza e non rinnovabili: il tedesco Volker Liebig, attuale direttore per l’Osservazione della Terra, e l’olandese Gaele Winters, direttore dei Lanciatori. “In questo modo la nuova Esa sarà al completo e pronta a preparare i dossier per la prossima ministeriale prevista in Spagna per il dicembre 2016”.