Al via domani il 26° Congresso Generale della Twas

MeteoWeb

Si parlerà anche di sicurezza del cibo durante il congresso dell’accademia mondiale delle scienze per il progresso scientifico dei paesi in via di sviluppo

Il 26° Congresso Generale della Twas, l’accademia mondiale delle scienze per il progresso scientifico dei paesi in via di sviluppo, avrà inizio domani, nel suggestivo contesto della sede dell’Accademia austriaca delle scienze, a Vienna. Fino a sabato 20 novembre, più di 300 fra giovani scienziati, ministri, decisori politici e leader scientifici discuteranno di strategie che coinvolgono innanzitutto il Sud del mondo, ma che richiedono azioni globali. Alla cerimonia di apertura, prevista nel pomeriggio di domani, parteciperanno il presidente austriaco, Heinz Fischer, Bai Chunli e Romain Murenzi, rispettivamente presidente e direttore esecutivo della Twas e Anton Zeilinger, presidente dell’Accademia austriaca delle scienze. L’evento ha ricevuto il supporto e il patrocinio degli Ministeri austriaci della Scienza e ricerca, dell’Economia, dei Trasporti, dell’Innovazione e tecnologia e degli Affari esteri, e, inoltre, del Sindaco e del Dipartimento di cultura di Vienna, della Hannes Androsch Foundation e della Federazione degli industriali austriaci.

Il lei motiv del Congresso di quest’anno sarà la Scienza sostenibile, cioè la Scienza che diventa strumento di crescita sociale, economica e ambientale, anche in base alle indicazioni delle Nazioni Unite negli obiettivi dello sviluppo sostenibile Sustainable Development Goals. Oltre a una panoramica sulle potenzialità che le tecniche di imaging offrono allo studio delle cellule viventi e della biologia in situ, molti scienziati affronteranno anche l’attualissimo tema della sicurezza del cibo. Come spiega Zhang Fusuo, del Centro per la sicurezza alimentare che ha sede a Beijing, Cina, “negli ultimi 50 anni, la produzione agricola cinese è aumentata grazie a un incremento di 37 volte nell’uso di azoto, e di 91 volte nell’uso di fertilizzanti a base di fosforo. Questo trend va invertito”. Marcelo Rubinstein dell’Università di Buenos Aires (Argentina) presenterà i risultati delle sue ricerche volte a far luce sui circuiti neuronali che regolano l’assunzione di cibo e dunque il controllo del peso corporeo, problema sociale che inizia a delinearsi anche nei paesi in via di sviluppo.

Nel corso della cerimonia di apertura, verranno consegnati premi e riconoscimenti alle migliori ricerche prodotte nei paesi in via di sviluppo. Tra questi, il premio TWAS-Lenovo per la scienza, che quest’anno va a ricerche in matematica; il premio Atta-ur-Rahman per la chimica e il premio C.N.R. Rao per scienziati dei paesi meno sviluppati scientificamente. Tra i premi in assegnazione, anche la prestigiosa medaglia Abdus Salam che quest’anno verrà consegnata a Jacob Palis, membro storico dell’Accademia e che in passato l’ha anche presieduta.