Alla scoperta dell’incantevole Parco Naturale Regionale del Beigua [FOTO]

    /
    MeteoWeb

    Il Parco Naturale Regionale del Beigua, il più esteso della Liguria, custodisce la storia geologica della regione, racchiudendo un’eccezionale biodiversità animale e vegetale

    Il Parco Naturale Regionale del Beigua si estende su una larga fascia di territorio dell’Appennino Ligure a cavallo delle province di Genova e Savona. Si tratta del parco più esteso della Liguria; un vero e proprio scrigno di specie vegetali e animali molto differenti tra loro, inserito nella lista mondiale dei Geoparchi dell’Unesco. Ideale per gli amanti della natura incontaminata e selvaggia, è un territorio che custodisce la storia geologica della Liguria, raccontandola attraverso affioramenti rocciosi, mineralizzazioni, giacimenti fossiliferi, spettacolari forme modellate senza sosta per effetto degli agenti esogeni.

    PARCO BEIGUAClima e geologia hanno creato molteplici ambienti che vanno dalle praterie, alle zone umide d’alta quota, includendo foreste di faggi, roveri, castagni, pinete, pini marittimi lembi di vegetazione mediterranea. Notevole è la presenza di rapaci diurni, tra cui spicca il biancone. Stupenda l’aquila dei serpenti e, da alcuni anni, nel Beigua è tornata a nidificare anche l’aquila reale, alla quale fanno buona compagnia il fugo reale, codirossone, sterpazzola. Lungo i percorsi impervi e nascosti, transita regolarmente il lupo e nel raggio di pochi km si possono osservare esponenti della fauna minore (colubro lacertino, tritone alpestre, tritone crestato). Non mancano cinghiali, caprioli, daini, osservabili grazie alla fitta rete di sentieri e mulattiere. La storia naturale del futuro massiccio del Beigua ha inizio circa 200 milioni di anni fa, nel Giurassico, periodo a cui risale la formazione della maggioranza delle rocce che lo compongono Dal monte Beigua, in condizioni di cielo sereno, si possono osservare le due riviere liguri di Ponente e Levante, l’arco alpino dalle Alpi Liguri alle Pennine, la Pianura Padana occidentale, l’Appennino ligure e tosco-emiliano, le Alpi Apuane e la Corsica.