Alluvione Campania: i sindaci del salernitano chiedono lo stato di emergenza

MeteoWeb

Mentre Calabria e Sicilia fanno la conta dei danni, un altro territorio colpito da devastanti alluvioni un mese fa chiede la proclamazione dello stato di emergenza per far fronte ai danni subiti

I sindaci del Salernitano hanno chiesto la proclamazione dello stato di emergenza per l’alluvione del 29 ottobre scorso. La richiesta è arrivata in conclusione di un incontro svoltosi nella sede del Comune di Baronissi (Salerno) al quale hanno partecipato, oltre al primo cittadino della stessa Baronissi, Gianfranco Valiante, anche Pasquale Sammartino di Castel San Giorgio e Manlio Torquato di Nocera Inferiore. A subire danni ingenti anche il vicino Comune di Mercato San Severino. I Comuni colpiti dalle alluvioni hanno anche attivato un coordinamento con tutti i responsabili degli uffici tecnici per fare la conta dei danni e decidere come agire per far fronte alla drammatica situazione. Presenti all’incontro, tra gli altri, i responsabili dei settori tecnici dei Comuni, il vicesindaco di Baronissi Anna Petta e il consigliere delegato alla protezione civile del Comune di Castel San Giorgio, Fiorenzo Lanzara.

baronissi (1)Secondo Valiante “la strada da percorrere è su un territorio di area vasta. Noi facciamo di tutto per la prevenzione del rischio sia in termini di opere pubbliche che di manutenzione del territorio. Ma all’imponderabile non possiamo far fronte. Abbiamo messo in moto un meccanismo per mettere in campo lo stato di emergenza e la richiesta di risarcimento danni per il patrimonio pubblico e privato fortemente danneggiati. Auspichiamo tempi brevi e risposte certe”. “Sono felicissimo – spiega il sindaco di Castel San Giorgio, Pasquale Sammartino – di poter fare un percorso congiunto con gli altri sindaci colpiti dai danni del maltempo. Si tratta di un’emergenza che si sviluppa spesso sui nostri territori per un discorso anche di criticità del fiume Solofrana nel caso nostro e del fiume Sarno un po’ più avanti. Credo che un’azione congiunta abbia anche una maggiore valenza di tipo politico-amministrativo e sicuramente si otterranno dei risultati migliori che da soli, come sempre succede, non potremmo raggiungere. Le esondazioni del Solofrana si devono necessariamente fermare. A Castel San Giorgio siamo stati fortunati perché l’evento é accaduto la mattina presto, ma se fosse avvenuto durante la notte, non so cosa sarebbe potuto succedere e se l’incolumità delle persone sarebbe stata ugualmente garantita. E’ la prima volta, a mia memoria, che noi sindaci dell’area colpita collaboriamo in modo così congiunto e che proponiamo, insieme, uno stato di emergenza direttamente alla Protezione civile e al ministero dell’Interno