Ambiente: “è difficile pensare alla sostenibilità ecologica senza la chimica”

MeteoWeb

Secondo Armando Zingales, presidente del Consiglio nazionale dei chimici la chimica è fondamentale per la sostenibilità ecologica, economica e sociale

Tra i tanti temi all’ordine del giorno, uno padroneggia incontrastato sugli altri: la sostenibilità ecologica. Durante l’incontro “Ambiente e salute: la nuova chimica“, tenutosi quest’oggi alla Ca’ Foscari a Venezia e organizzata dal Cnc, il presidente del Consiglio nazionale dei chimici, Armando Zingales ha spiegato che “attualmente, è difficile pensare di avvicinarsi agli obiettivi di sostenibilità ecologica, economica e sociale che dobbiamo perseguire, se vogliamo dare un futuro all’umanità, senza il contributo attivo della chimica”. L’incontro organizzato per salutare lo stesso presidente, che a breve concluderà il suo mandato, è servito per spiegare come la chimica possa essere importante e vitale per la green economy. Infatti “le scienze, tra cui la chimica, devono potersi ascrivere una funzione primaria nel processo di crescita compatibile a livello mondiale non dimenticando che – continua il presidente –  l’idea di privilegiare una sola delle necessarie sostenibilità, a scapito delle altre, provoca squilibri, sofferenze, malattie e disagi sociali che non sono meno gravi”. Sempre Zingales spinge affinchè la chimica venga riconosciuta come scienza fondamentale nella sostenibilità e nel cambiamento della società. Infatti precisa che ” se in passato la chimica, soprattutto quando utilizzata da chi non la conosce, non è stata esente da errori e colpe ora bisogna rendersi conto e riconoscere che la situazione è profondamente mutata e si è trasformata in un punto di riferimento molto importante per chi è impegnato nell’affermazione di pratiche sostenibili. Per questo, penso sia necessario che i nostri professionisti, rafforzati da questa consapevolezza, non devono rimanere chiusi nei laboratori, ma porre la loro competenza a servizio della comunità”.