Animali: morte 211mila saighe, sconosciute le cause

MeteoWeb

Escluso l’inquinamento e l’avvelenamento, si fa strada la tesi del batterio killer, pasteurella, presente nelle saighe in uno stato dormiente

Una specie rarissima di antilope, diffuso nelle steppe euroasiatiche e oggi confinato in poche aree di Kazakistan, Russia, Mongolia, (le saighe) a rischio d’estinzione, è stata decimata nel giro di un poche di settimane, e le motivazioni sono del tutto sconosciute. Nella primavera scorsa si era registrato un numero immenso di decessi (120mila esemplari) e la situazione non fa che peggiorare. Escluso l’inquinamento e l’avvelenamento, si fa strada la tesi del batterio killer, pasteurella, presente nelle saighe in uno stato dormiente, e “risvegliato” da fattori ambientali.