Cambiamenti climatici: in Papua Nuova Guinea si rischia il collasso

MeteoWeb

Le gelate dei mesi di luglio e agosto e la siccità hanno colpito il settore agricolo e ora 2,4 milioni di persone hanno urgentemente bisogno di acqua potabile e cibo

Riscaldamento globale contrapposto a gelate storiche. Si tratta di due fenomeni apparentemente opposti, ma che in realtà sono uno la causa dell’altra, in un contesto di cambiamenti climatici che stanno sconvolgendo tutto il nostro pianeta, causando danni non indifferenti. Le gelate dei mesi di luglio e agosto, ad esempio, hanno duramente colpito il settore agricolo in Papua Nuova Guinea. E’ quanto emerge da un rapporto dell’Ufficio umanitario delle nazioni Unite (Ocha), secondo cui le gelate hanno anche impedito l’accesso alle strutture scolastiche e sanitarie. Secondo stime governative la situazione diventerà insostenibile se la siccità che si registra nel paese continuerà per altri tre o quattro mesi. Secondo quanto reso noto dall’esecutivo 2,4 milioni di persone sono state duramente colpite dalla mancanza di piogge e hanno urgentemente bisogno di acqua potabile e cibo.