Medicina: l’Italia è il paese con il più alto numero di parti cesarei

MeteoWeb

Un altro primato negativo, l’Italia è infatti tra i paesi con il più alto numero di parti cesarei

Tra i primati negativi collezionati dall’Italia, l’ultimo arrivata dal Piano Nazionale Esiti. Secondo i dati forniti dal Pne, l’Italia è il paese europeo con il più alto numero di parti cesarei. E’ vero che, l’Italia sta cercando di migliorare. Infatti, nel 2010 vi era il 28,3% dei casi mentre nel 2014 si parla del 25,7%. Ovviamente, colossali differenze vi sono tra Regione e Regione, ma anche tra città delle stessa Regione. Circa 32.000 donne hanno deciso di utilizzare una pratica diversa dal cesareo. Dato importante, visto che l’Oms negli anni Novanta, aveva affermato che una proporzione di cesarei superiore al 15% non era giustificata. Il parto cesareo, infatti, non evita sofferenze rispetto al parto naturale. O meglio, espone a maggiori rischi sia la donna che il bambino. Infatti, esso deve essere previsto solo per casi specifici. Tra le regioni che preferiscono evitare questa pratica troviamo: il Friuli Venezia Giulia, Piemonte e le Province autonome di Bolzano e Trento. Il Ministero della Salute fissa al 25% la quota massima consentita di cesarei per coloro che effettuano più di 1000 parti e al 15% per coloro che effettuano meno di 1000 parti.