Previsioni Meteo, con quest’anticiclone sarà una lunghissima Estate di San Martino. Quando ne usciremo fuori?

    /
    MeteoWeb

    Previsioni Meteo: sarà un’Estate di San Martino lunghissima, oggi gli ultimi piovaschi in Sicilia ma da domani arriva il mega-anticiclone

    Ci siamo quasi: il poderoso anticiclone sta per raggiungere l’Italia, da domani la sua “cupola” di alta pressione con picchi di oltre 1030hPa in Sardegna e di quasi 1030hPa su tutto il resto d’Italia. Oggi abbiamo le ultime piogge al Sud, soprattutto in Sicilia, comunque deboli anche se nel pomeriggio non è esclusa la formazione di qualche temporale nel sud/est dell’isola, simile a quelli di ieri sera nell’area Iblea, con picchi di 15mm. Saranno le ultime ore d’instabilità prima dell’arrivo dell’Estate di San Martino, che quest’anno si prospetta lunghissima ed eccezionalmente anomala.

    Le temperature ad 850hPa di lunedì 9 novembre
    Le temperature ad 850hPa di lunedì 9 novembre

    Le temperature tra il weekend e la prossima settimana supereranno i +25°C in molte località dell’Italia nelle ore diurne, con picchi di +27/+28°C nelle zone interne, dapprima in Sardegna, poi al centro/nord, infine in Puglia che saranno le Regioni più calde. Le temperature più anomale saranno ad alta quota, perché siamo comunque a novembre e al suolo tra nebbie, foschie e brezze marine le temperature difficilmente andranno oltre i 7-8°C sopra le medie del periodo (un’anomalia comunque significativa). Ma in montagna, su Alpi e Appennino, si raggiungeranno picchi eccezionali, 12-13°C oltre le medie del periodo, con zero termico a 4.000 metri come nei giorni più caldi dell’estate.

    Le temperature ad 850hPa di mercoledì 11 novembre
    Le temperature ad 850hPa di mercoledì 11 novembre

    Una situazione che durerà a lungo, molto probabilmente per tutta la prossima settimana, quindi fino a metà mese. Un mese che già fino ad oggi è stato decisamente caldo e che rischia di entrare nella storia come uno dei novembre più caldi di sempre almeno per l’Italia e per l’Europa, coinvolta come il nostro Paese in quest’eccezionale anomalia positiva. Le vie d’uscita che si intravedono a lungo termine sono molto timide: una goccia fredda Afro-Mediterranea che risale dal Sahara nel prossimo weekend, tra 14 e 15 novembre, portando qualche pioggia al Centro/Sud ma senza un vero e proprio cambiamento delle temperature, che potrebbe verificarsi in seguito, dal 16 novembre in poi, con correnti più fredde provenienti da nord/est. Ma in tal senso non arrivano indicazioni precise dai centri di calcolo, dopotutto si tratta di un periodo talmente tanto lontano (10 giorni) che immaginare cosa succederà rappresenta un rebus ad oggi ancora impossibile da risolvere. Ecco le mappe: