Previsioni Meteo, novembre anomalo: previste temperature superiori alla media fino al 20

MeteoWeb

Sull’Italia – affermano i meteorologi del Centro Epson Meteo – l’anticiclone darà luogo anche al fenomeno dell’inversione termica

Un robusto anticiclone di matrice sub-tropicale si è stabilizzato sul bacino del Mediterraneo e sull’Italia, prolungando questa fase di tempo stabile e clima mite, con temperature sensibilmente superiori alla media stagionale: una situazione destinata a protrarsi anche oltre la metà del mese. Sull’Italia – affermano i meteorologi del Centro Epson Meteo – l’anticiclone darà luogo anche al fenomeno dell’inversione termica, favorendo giorno dopo giorno un aumento di nebbie, foschie e strati di nubi basse non solo in Valpadana e nelle valli del Centro ma anche lungo molte zone costiere della Penisola, inizialmente soprattutto sulle regioni del versante occidentale compresa la Sardegna. Lo scarso rimescolamento verticale dell’atmosfera sarà anche responsabile di un aumento dell’inquinamento e quindi di un peggioramento della qualità dell’aria. Il Pm10 è già abbondantemente al di sopra della soglia limite di 50 µg/m³ in numerose città. Le temperature diurne saranno molto elevate ovunque, con valori fino a 10 gradi oltre la norma, a causa della massa d’aria molto mite che accompagna l’anticiclone. Su Alpi e Appennini l’anomalia termica sarà ancora più evidente, con lo zero termico che mercoledì potrebbe raggiungere sulle Alpi occidentali la quota eccezionale di 4500 metri, spiega il Centro Epson Meteo.

EQUINOZIO AUTUNNO 2Oggi è prevista una giornata grigia con un cielo molto nuvoloso tra Liguria e Toscana centro-settentrionale; nuvolosità sparsa ma meno estesa e compatta anche sulla Sardegna occidentale. Tempo soleggiato nel resto d’Italia a parte il rischio di persistenza di foschie o di nubi basse lungo le coste e la bassa pianura del Veneto. Venti di Libeccio sul Mar Ligure, debole Maestrale al Centrosud.Temperature massime in calo in Liguria e alta Toscana, praticamente invariate altrove con punte massime di 23-24 gradi. Martedì altra giornata per lo più soleggiata ma con il rischio di nebbie in Val Padana e valli del Centro. In Sardegna e fascia costiera della Toscana nuvolosità bassa localmente persistente e compatta. Da segnalare anche qualche velatura in transito lungo l’Adriatico e innocui annuvolamenti tra Campania e settore tirrenico della Calabria. Temperature con poche variazioni di rilievo. Venti moderati di Maestrale su Mare di Sardegna, Canale di Sicilia, basso Adriatico e Ionio orientale. Mercoledì giornata di tempo stabile su tutto il Paese, sarà prevalentemente soleggiato salvo in Liguria, Toscana, Sardegna dove il cielo potrà presentarsi grigio a casa della presenza di strati di nubi basse. In Val Padana, lungo i litorali dell’alto Adriatico e su pianure e valli del Centro (Umbria e Lazio) formazione di nebbie anche fitte il cui sollevamento nelle ore centrali della giornata potrebbe dar luogo alla formazione di strati di nubi basse con le nebbie che si ripresenteranno nella successiva notte nelle stesse zone. Venti deboli localmente moderati da nord su Canale d’Otranto e Mar Ionio. Temperature sensibilmente al di sopra della norma, eccezionalmente elevate in montagna. Sui rilievi potrebbe essere la giornata più calda con lo zero termico addirittura a 4500 metri sulle Alpi occidentali (si tratta di una quota straordinaria anche per l’estate). Clima mite alle basse quote nelle zone soleggiate, poi nella seconda parte della settimana il Sud si scalderà ulteriormente con punte che potrebbero toccare i 25°C. Ci sono buone probabilità che questa fase di tempo stabile e di caldo anomalo prosegua fino al 20 del mese. Sabato si potrebbe verificare una breve e temporanea attenuazione del caldo fuori stagione sul settore alpino, ma già domenica le temperature torneranno a salire.