Previsioni Meteo, pioggia e neve: il bollettino dell’aeronautica militare per oggi e domani

MeteoWeb

Il Servizio meteorologico dell’Aeronautica militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia per la giornata di oggi e domani

Il Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia. Situazione: l’area depressionaria centrata sulle regioni meridionali e che continua a determinare condizioni di spiccata instabilita’ al sud, sulla Sardegna e sul settore centrale adriatico, si va gradualmente attenuando e spostando verso la Grecia; al nord e sul centro peninsulare tirrenico la pressione e’ in aumento. Tempo previsto fino alle 24 di oggiNord: cielo in prevalenza sereno ad eccezione di qualche nube residua sulle coste romagnole e a ridosso dell’Appennino emiliano romagnolo. Centro e Sardegna: molte nubi con piogge o rovesci sulle regioni adriatiche, sull’Umbria orientale e nelle zone interne del Lazio; su quest’ultime si assistera’ ad un miglioramento gia’ nel corso della mattinata; nevicate anche abbondanti sull’Abruzzo a partire dai 400-500 metri fino al primissimo pomeriggio quando si avra’ una tendenza al rialzo della quota neve ed una successiva attenuazione dei fenomeni. Poche nubi altrove, salvo addensamenti piu’ consistenti su Sardegna orientale e zone piu’ interne della Toscana con associate residue piogge o locali rovesci limitatamente alla prima parte della giornata.

aeronautica militare1Sud e Sicilia: maltempo su tutte le regioni con precipitazioni localmente intense specie su aree tirreniche di Sicilia e Calabria ed aree comprese fra zone interne della Campania, Puglia garganica e Molise; su quest’ultime aree i fenomeni assumeranno carattere nevoso a quote collinari; tendenza a graduale miglioramento ad iniziare dalla sera su Molise, Campania settentrionale e Sicilia centro-meridionale. Temperature: massime in tenue diminuzione sulle zone pianeggianti centro-occidentali del nord, sulla Calabria e sulla Sicilia settentrionale; in aumento sul resto del territorio, piu’ marcato tra Lazio, Campania, Molise, Puglia centro-settentrionale e Basilicata. Ventideboli variabili su gran parte del nord ad eccezione della Liguria di ponente e dell’alto Adriatico dove risulteranno settentrionali o nordorientali di intensita’ moderata ma con rinforzi durante la prima parte della giornata; forti o molto forti settentrionali sulla Sardegna orientale, Sicilia occidentale e regioni centro-meridionali adriatiche; moderati settentrionali con rinforzi sulle regioni centro-meridionali tirreniche e sulla Sardegna occidentale; moderati dai quadranti meridionali sull’area ionica, ma con tendenza a divenire nordoccidentali ed a rinforzare nottetempo; sulle regioni centro-settentrionali parziale attenuazione della ventilazione tra il pomeriggio e le ore notturne. Marimosso o molto mosso il mar ligure a largo ma con tendenza a divenire poco mosso dalla serata; da agitati a molto agitati i restanti bacini, ma tutti con moto ondoso in graduale attenuazione dalla serata.

Servizio-Meteorologico-MilitareIl Servizio meteorologico dell’Aeronautica militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia per la giornata di domaniNord: graduale temporaneo aumento della nuvolosita’, ma per nubi per lo piu’ medio-alte, che dalla regioni occidentali transitera’ verso l’Emilia Romagna ed il triveneto dal pomeriggio per poi diradarsi tra la serata e le ore notturne. Qualche nube piu’ compatta si presentera’ sulla Valle d’Aosta ed in genere sulle zone alpine di confine risultando associata a nevicate sparse che si attenueranno durante la nottata. Centro e Sardegna: cielo irregolarmente nuvoloso sulla Sardegna con piogge sparse o isolati rovesci sulla parte occidentale e settentrionale dell’isola tra tarda mattinata ed ore pomeridiane ma con fenomeni in attenuazione verso la fine della giornata; molte nubi con associate residue e locali precipitazioni durante le primissime ore del giorno sulle coste dell’Abruzzo ma con tendenza ad ampie schiarite dal pomeriggio. Verso sera e nella notte nuvolosita’ medio alta, ma senza precipitazioni, tornera’ ad interessare le suddette regioni; prevalenza di ampi spazi sereni sul resto del centro peninsulare seppur con qualche nube in piu’ nel pomeriggio sulla parte settentrionale ed orientale della Toscana e nel corso della serata-notte sul Lazio centro meridionale. Tali nubi non saranno pero’ associate a fenomeni di particolare rilievo. Sud e Sicilia: condizioni in graduale miglioramento su tutte le regioni seppur con nubi abbondanti associate a precipitazioni da sparse a diffuse su Puglia e zone interne della Basilicata durante le prime ore del giorno, sulla Sicilia settentrionale ed il settore tirrenico della Calabria dove i fenomeni tenderanno ad insistere fin verso il primo pomeriggio per poi attenuarsi. Prevalenza di spazi sereni alternati a nubi sul resto del meridione. Dalla sera nuove nubi andranno, pero’, ad interessare le coste della Campania, la Calabria centro-meridionale e la Sicilia occidentale con associate deboli piovaschi nottetempo. Temperature: minime in generale diminuzione, piu’ marcata tra veneto orientale e coste romagnole, ad eccezione dell’arco alpino, delle due isole maggiori e della Calabria dove risulteranno invece in aumento; massime in tenue diminuzione sulla Pianura Padana e sulle regioni adriatiche meridionali; in aumento sul resto del territorio, piu’ marcato sulle zone alpine, sulle regioni adriatiche centrali e sulla Sardegna. Ventideboli variabili al nord ma con residui rinforzi dai quadranti settentrionali sulle coste di Friuli Venezia Giulia, Veneto ed Emilia Romagna; di provenienza occidentale o nord-occidentale sul resto del Paese con intensita’ in prevalenza moderata ad eccezione della Sardegna occidentale dove risulteranno di forte intensita’ a partire dalle ore pomeridiane. Mariagitato il mar di Sardegna con tendenza a divenire molto agitato tra la sera e la notte; mossi il mar ligure e l’alto Adriatico e da molto mossi a localmente agitati i restanti bacini. Moto ondoso in graduale attenuazione durante la seconda parte della giornata ad eccezione dello stretto di Sicilia e del canale di Sardegna che continueranno a risultare ancora agitati.