Previsioni Meteo, svolta invernale: raffiche fino a 100 km/h e onde alte 5-6 metri

MeteoWeb

Rischio mareggiate sulle coste tirreniche secondo il Centro Epson Meteo, in arrivo onde alte fino a 5-6 metri

L’alta pressione e la conseguente stabilità atmosferica che ci ha accompagnati nelle ultime settimane ha le ore contate. Già oggi infatti comincerà a indebolirsi, ritirandosi gradualmente dalla nostra Penisola, dove quindi aumenterà ulteriormente la nuvolosità mentre un po’ di piogge torneranno a interessare Alpi e regioni tirreniche. Il graduale peggioramento di venerdì – affermano i meteorologi del Centro Epson Meteo – sarà causato dall’avvicinarsi di un intenso nucleo di aria fredda di origine artica che poi, nel fine settimana, porterà sull’Italia un assaggio d’inverno. Tra domani e lunedì i freddi venti settentrionali originati dalle correnti artiche spazzeranno tutte le nostre regioni causando un deciso calo termico (in alcune località del Centronord addirittura fino a 10-12 gradi), piogge localmente abbondanti sabato al Nordest e sul settore tirrenico. Attenzione tra stasera e sabato ai venti a tratti tempestosi con raffiche fino a 100 km/h attesi tra il basso Mar Ligure e il Centrosud.

vento-forteOggi molte nuvole al Nord e sulle regioni tirreniche, nubi variabili anche su ovest Sardegna e nord Sicilia, più soleggiato nel resto del Centrosud. Piogge da deboli a moderate sul settore alpino di confine e in Valle d’Aosta, piogge più isolate e sporadiche su Friuli Venezia Giulia, alta Toscana, basso Lazio e Campania. Temperature massime in diminuzione sulle Alpi, in lieve rialzo in Val Padana e regioni adriatiche. Venti di maestrale da moderati a forti in Sardegna. Domani la perturbazione continuerà a muoversi verso sud e tra gli effetti principali avremo un’intensificazione dei venti che diventeranno forti e a tratti tempestosi su quasi tutti i mari soffiando prevalentemente da sud-ovest, localmente con raffiche fino a 100 km/h, al Nord soffierà il Foehn su Lombardia e Alpi occidentali. Attenzione al rischio mareggiate sulle coste tirreniche, con onde alte fino a 5-6 metri. Nel dettaglio domani resistono ampie zone soleggiate su basso Adriatico, settore ionico e Sicilia; tendenza ad ampie schiarite al Nordovest, prevalenza di nuvole nel resto d’Italia con piogge che nell’arco della giornata interesseranno la Lombardia orientale, le regioni di Nordest, le Marche, le zone interne e tirreniche della penisola e l’ovest della Sardegna. Neve al mattino sulle Alpi di confine fino ai 900-1400 metri, nel pomeriggio ancora in Val d’Aosta e sulle Prealpi orientali con quota in ulteriore calo, tra sera e notte sull’Appennino tosco-emiliano e marchigiano fino ai 500-1100 metri. Verso sera le piogge raggiungono anche il nord della Sicilia e la Calabria tirrenica, con rovesci e temporali su centro-est della Valle Padana, Romagna, Toscana per l’arrivo di un nucleo di aria molto fredda. Primo calo sensibile delle temperature al Nord, specie al Nordest mentre sul medio Adriatico, al Sud e nelle Isole, per effetto dei forti venti occidentali e della massa d’aria ancora mite, potremo avere ulteriori rialzi con valori anche molto sopra le medie stagionali. Domenica al Nord passaggio a tempo soleggiato con cielo sereno o poco nuvoloso, al mattino nuvolosità residua su Emilia orientale, Romagna e coste dell’alto adriatico con le ultime locali deboli precipitazioni in Romagna, un po’ di nubi resteranno addossate alla barriera alpina. Al Centro nuvolosità variabile con precipitazioni residue nelle prime ore della giornata su Marche, Umbria, bassa Toscana e Lazio (nevose sui rilievi anche sotto i 1000 metri in particolare nel settore marchigiano dove la quota scenderà a 700 metri), con tendenza a miglioramento e a schiarite nella seconda parte della giornata particolarmente ampie sulle regioni tirreniche. Al Sud e nelle Isole tempo variabile a tratti instabile con precipitazioni più probabili su Campania, Basilicata, Puglia centrale, Calabria settentrionale e ovest della Sardegna. In serata fenomeni in generale esaurimento (possibili nevicate in Sardegna a 1200 metri di quota). Nella notte possibile nuovo peggioramento del tempo a partire dalle regioni tirreniche da confermare. Venti forti su tutto il Centrosud prevalentemente nord-occidentali, localmente ancora burrascosi nella prima parte della giornata su Sardegna e basso Tirreno. Qualche episodio di Foehn nelle vallate alpine su Valle d’Aosta, Piemonte e ovest Lombardia. I venti tenderanno ad attenuarsi entro la fine della giornata. Mari da molto mossi a molto agitati, temperature in generale diminuzione in qualche caso anche sensibile, nell’ordine di 5-10°C. La zona che meno avvertirà il calo sarà il Nordovest per i venti di Foehn. L’inizio settimana avrà un clima invernale al Nord con temperature inferiori alla norma e le prime deboli gelate della stagione lunedì e martedì. L’incertezza rimane ancora piuttosto elevata per l’inizio della settimana, al momento si profila un nuovo peggioramento del tempo al Centrosud, mentre il Nord sembra che rimarrà più ai margini ma con un possibile coinvolgimento della zone a sud del Po.