Previsioni Meteo: tempo stabile fino a venerdì, poi arrivano pioggia e freddo

MeteoWeb

Termina questa lunga fase anomala di clima eccezionalmente mite e secco. Al suo posto, secondo il Centro Epson Meteo, subentrerà un clima più consono per la stagione e un graduale ritorno delle precipitazioni

Il robusto anticiclone presente sull’Europa Centrale e Meridionale ci farà compagnia anche per gran parte della prossima settimana, favorendo così condizioni di tempo in prevalenza stabile: non avremo piogge di rilievo e le temperature pomeridiane saranno relativamente miti, ma senza i valori eccezionali di qualche giorno fa. Nonostante la sua tenacia – affermano i meteorologi del Centro Epson Meteo – questa struttura di alta pressione verrà comunque a più riprese insidiata da alcune perturbazioni atlantiche che, scorrendo sull’Europa Centrale, contribuiranno a deformarla parzialmente e al contempo a spingerla un po’ più a sud consentendo alle fresche correnti atlantiche di infiltrarsi in parte sul nostro Paese. Uno degli effetti di questo leggero mutamento delle condizioni meteo sarà quello di muovere un po’ l’aria nei bassi strati con conseguente riduzione delle nebbie in termini di estensione e persistenza. La situazione probabilmente cambierà in modo brusco a partire dal prossimo fine settimana con l’arrivo di correnti atlantiche più fredde che riporteranno in Italia le piogge e temperature più in linea con la stagione.

nuvoleDomani al mattino poche nuvole, ma con il fastidio di nebbie localmente anche fitte nelle pianure del Nord, coste del versante adriatico, valli del Centro, coste laziali, Gargano, interno della Campania e settore meridionale della Sardegna. Al pomeriggio prevalenza di tempo bello, a parte un po’ di nuvolosità innocua su Liguria, Toscana, estremo Sud e Isole e qualche nebbia che insisterà sulle pianure del Nord, specie tra Basso Veneto ed Emilia Orientale. Temperature senza grandi variazioni, nella norma o leggermente al di sopra. Martedì giornata tra sole e nuvole al Nord e regioni centrali tirreniche, in prevalenza sereno o poco nuvoloso altrove; nebbie mattutine su pianure del Nord, coste adriatiche, Umbria, Lazio e Sardegna, insistenti anche nelle ore centrali del giorno in Veneto, Friuli, Emilia e Romagna. Temperature massime in leggera diminuzione al Centronord. Fino a giovedì non si prevedono cambiamenti significativi del tempo: ancora stabilità atmosferica con nebbie o strati di nubi basse sulle pianure del Nord, nelle regioni tirreniche e, a tratti, anche sulle regioni adriatiche. Tempo sostanzialmente asciutto, salvo occasionali, deboli pioviggini. Tutto questo accompagnato da un clima decisamente mite, soprattutto nelle aree che vedranno la presenza del sole. All’inizio della terza decade di novembre i modelli confermano un radicale cambiamento nella circolazione atmosferica: terminerà così questa lunga fase anomala di clima eccezionalmente mite e secco. Al suo posto, subentrerà un clima più consono per la stagione e un graduale ritorno delle precipitazioni. Al momento non è possibile entrare nei dettagli di questo decisivo cambiamento. Lo scenario più probabile vede, dopo il 20 novembre, un significativo calo delle temperature a cominciare sabato dal Nord, domenica anche nel resto del Paese. Nel prossimo fine settimana torneranno anche le piogge e la neve in montagna, specialmente sulle Alpi: per una più dettagliata localizzazione dei fenomeni dovremo attendere i prossimi aggiornamenti.