Strage di pinguini allo zoo di Melbourne: la colpevole è una volpe

MeteoWeb

I corpi di 14 pinguini sono stati trovati dilaniati dei dipendenti dello zoo australiano. Da giorni si sospettava che una volpe si fosse intrufolata all’interno della struttura

Corpi di pinguini straziati e senza vita sparsi dappertutto: è questo il terribile scenario che si sono trovati di fronte, questa mattina, i dipendenti dello zoo di Melbourne. Durante la notte si è verificata una vera e propria strage, a seguito della quale sono stati uccisi metà degli esemplari presenti nella struttura. Il colpevole, molto probabilmente è un altro animale, ovvero una volpe che è riuscita ad eludere le misure anti-intrusioni dello zoo. I pinguini morti sono 14, mentre i 15 che sono riusciti a scampare alla strage sono stati portati al sicuro nel dipartimento veterinario e saranno rimessi al loro posto solo dopo che la volpe sarà catturata, o comunque dopo che i dipendenti si siano accertati che si sia data alla fuga. Sul sito dello zoo la manager della struttura Justin Valentine, fa sapere che i pinguini superstiti “non sono feriti e si stanno ambientando nella loro nuova sistemazione”.

Era già da una settimana che i responsabili si erano accorti che una volpe poteva aggirarsi all’interno dello zoo, ma nonostante le trappole e le fotocamere appositamente posizionate, l’animale non è stato individuato. L’area della struttura copre uno spazio di 22 ettari, di cui buona parte è coperta da fitta vegetazione, dove la volpe ha potuto, durante il giorno, nascondersi agli occhi di tutti, per poi compiere le proprie scorribande durante la notte. Dopo la strage di pinguini lo zoo ha annunciato che i controlli per evitare nuove intrusioni aumenteranno in tempi brevi.