Vi sveliamo perché uomini e donne non sono uguali

MeteoWeb

Il mito delle donne che parlano di più rispetto agli uomini è confermato anche dalla scienza, ma se siete convinti del proverbio “donna al volante pericolo costante” resterete sorpresi

Che uomini e donne fossero diversi non era necessario che ce lo comunicassero gli scienziati. Ma vi siete mai chiesti, oltre ad un aspetto puramente biologico, cosa differenzi un essere umano di sesso maschile, da uno di sesso femminile? Ebbene la risposta, ancora una volta, arriva proprio dalla scienza, dato che le molte caratteristiche che ci differenziano dall’altro sesso sono state verificate tramite test scientifici.

donna parlaNon esiste un ordine di importanza per elencare i punti non in comune tra maschi e femmine, ma sicuramente uno dei primi che salta all’occhio e di fronte al quale molti mariti o fidanzati diranno “Ecco! L’ho sempre detto io!” riguarda la memoria verbale e soprattutto l’eloquio più fluente delle donne. Per queste ultime, infatti, è molto più semplice ricordare delle parole a memoria e anche parlare meglio e più velocemente, rispetto agli uomini. E questo proprio grazie ad un fattore di conformazione cerebrale, che permette invece ai maschietti di possedere un maggior orientamento spaziale.

CERVELLIUn’altra importante differenza tra i due sessi sta nella capacità di perdonare: gli uomini, in genere, fanno fatica a chiudere un occhio se viene fatto loro un torto, e tendono a vendicarsi più facilmente rispetto al “sesso debole”, che invece tende a perdonare (spesso pentendosene dopo pochissimo tempo). Questo fattore del perdono facile dipenderebbe da una minore empatia dei maschi nei confronti del prossimo, che è la causa anche di un’altro elemento di disparità: le donne sono più fisionomiste, infatti ricordano sguardi e volti anche a distanza di anni. Sono più empatiche, dunque, ma le eredi della primordiale Eva, sono anche meno collaborative rispetto agli uomini, soprattutto se si trovano in una posizione di superiorità rispetto a coloro i quali vorrebbero intralciare.

uomini-e-donnePersino lo stress è vissuto diversamente. Secondo uno studio, sarebbe il glucosio presente nel sangue a fornire le energie necessarie ad affrontare situazioni di tensione emotiva. Ma quando queste energie finiscono gli uomini tendono a perdere il controllo, mentre le donne sarebbero in grado di sopportare più a lungo. Altro elemento che farà sorridere le donne, le quali penseranno subito ai propri mariti, padri o fidanzati, riguarda l’annosa questione delle indicazioni stradali, evitate dagli uomini come la peste. Ebbene, secondo la scienza ci sarebbe una spiegazione anche a questo: dipende dalla loro “memoria vettoriale”, grazie alla quale sono (o si ritengono) in grado di ricordare la direzione in cui si è mosso il proprio corpo e anche per quanto tempo; ma, vogliamo ricordarlo, questo principio vale solo se sono già stati in quel luogo. Pare che persino il senso del bello sia nettamente diverso tra uomini e donne, e anche qui la spiegazione sta nel cervello: questa particolare sensibilità è associata all’attività cerebrale di due aree differenti. Di fronte a un’opera d’arte o comunque a una cosa bella, nei due sessi si attivano diverse aree della materia grigia, ben due nella donna e solo una begli uomini.

differenze-tra-uomini-e-donneNeppure i cinque i sensi funzionano allo stesso modo. L’olfatto, ad esempio è risultato essere più sviluppato nelle donne, esattamente come la vista, il gusto e il tatto. L’udito, invece, è più sensibile negli uomini, che sono anche in grado di concentrarsi maggiormente, escludendo dall’ascolto rumori di disturbo. Gli uomini, poi, non sono probabilmente definiti “sesso forte” a caso: secondo gli studiosi, infatti, di fronte al pericolo tendono più ad agire, a differenza del “sesso debole” che si lascerebbe maggiormente sopraffare dalle emozioni. Quest’ultima, in verità, sembra una visione un po’ “arcaica” ed eccessivamente schematica dei comportamenti di entrambi i sessi, sulla quale non abbiamo sorvolato solo per completezza dell’informazione.

Donna-in-macchina_600x398Infine, udite udite, le donne alla guida sono più prudenti, responsabili e attente alla sicurezza. Sfatiamo dunque il mito della “donna al volante pericolo costante” e chiariamo definitivamente la questione: gli scienziati, che da che mondo e mondo la sanno lunga, dicono che le donne hanno un atteggiamento migliore alla guida rispetto all’uomo. E ne spiegano anche il motivo, che sta nella maggiore quantità di estrogeni presenti nella donna che vanno ad influenzare positivamente l’attività neuronale dei lobi frontali, ossia proprio la zona che permette l’apprendimento delle regole e il controllo dell’attenzione e dei riflessi.