Alpi senza neve, in Piemonte è allarme per centinaia di posti di lavoro a rischio

MeteoWeb

Diverse centinaia di lavoratori piemontesi, addetti al funzionamento degli impianti di risalita, sono a casa senza lavoro e senza reddito dall’inizio di dicembre. A lanciare l’allarme e’ la Filt Cgil, che si dice “molto preoccupata per l’andamento dell’attuale stagione sciistica” a causa dell’assenza di neve. “Ormai sono diverse stagioni che l’apertura degli impianti di risalita risulta essere problematica per carenza di neve“, ricorda il sindacato, che chiedono provvedimenti per limitare gli effetti dell’avvio ritardato della stagione. Tra questi il “prolungamento delle vacanze scolastiche del mese di febbraio di tre giorni, in modo da creare una settimana di vacanza”. “Tre giorni, solo tre giorni che permetterebbero il prolungamento della stagione con benefici grandissimi – sostiene la Filt Cgil – arrecando, crediamo, pochissimi o nessun disagio a lavoratori di altri settori, tre giorni che si possono recuperare all’inizio delle vacanze estive o al loro termine”.