Clima, l’esperto: “La scienza sa ancora troppo poco dell’evoluzione climatica”

MeteoWeb

“Quel che serve, è inutile girarci intorno, è un vero governo mondiale per la salvaguardia del clima”

“Per iniziare a invertire la tendenza non bastano i proclami o peggio ancora gli scenari apocalittici. Quel che serve, è inutile girarci intorno, è un vero governo mondiale per la salvaguardia del clima. Gli scenari valgono davvero poco”. Lo afferma in un’intervista al Mattino il climatologo Franco Prodi. “La scienza sa ancora troppo poco dell’evoluzione climatica e i nostri modelli, quelli dell’Intergovernmental panel on climate change sono nella loro infanzia. Questo non significa che il clima non può peggiorare. Anzi, proprio perché non è lineare ed è scarsamente prevedibile, il futuro potrebbe essere peggiore delle peggiori previsioni. Bisogna però evitare che di clima parlino solo gli economisti, gli agronomi o qualsiasi improvvisatore“, sottolinea. “Il riscaldamento globale è una realtà in crescita, ma una cosa è il parlare dei politici che sono preoccupati per il futuro, altra è l’evoluzione della conoscenza che non è tale da consentire matematiche previsioni, perché non c’è nessuno che possa realmente dirsi esperto di clima”. Per migliorare la situazione, dunque, il primo requisito delle economie mondiali “è avere la volontà di farlo davvero”.